MSO 2021

Ci siamo!
È online il programma (ancora provvisorio) della 25-esima Olimpiade degli Sport della Mente: msoworld.com
Per me sarà la 22-esima partecipazione!!!
Presto notizie sulla squadra italiana, che quest’anno si preannuncia particolarmente nutrita e agguerrita.

Ecco il mio programma di massima:

C’è veramente tanto tanto da giocare e pure ci sono vari nuovi giochi da imparare… ma non ce la potrò mai fare a competere contemporaneamente in 3 tornei!
Mi sa che sono stato troppo ingordo! Vedremo.
Intanto abbiamo cominciato a giocare online con alcuni dei compagni di avventura… ed è già bello questo!

Dario De Toffoli

MEDAGLIE ITALIANE

11pt Classic Backgammon
1 Paun Andrei Cristian Romania
2 -peristroler- Greece
3 Gianni Pretto Italy
3 Julia Hayward United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland

Atomic Chess (Swiss)
1 Arman Aryanejad Iran Islamic Republic of
2 Mirko Trasciatti Italy
3 Aron Saunders United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland

Chess 960
1 Balázs Csonka Hungary
2 Andras Dankhazi Hungary
3 Mirko Trasciatti Italy

Crazyhouse Chess (Swiss)
1 Balázs Csonka Hungary
2 Mirko Trasciatti Italy
3 Ben Purton United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland

Hive (Base Game)
1 Christian Galeas Chile
2 Eugen Konkov Ukraine
3 Francesco Salerno Italy

Hold’em Turbo Poker
1 Francesco Fiordoliva Italy
2 –lawless43– Spain
3 –AKjozsef1981– Ukraine

Horse Turbo Poker
1 Wesley Barton United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland
2 Jonathan Raab United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland
3 Francesco Ventola Italy

King of the Hill Chess
1 Aleksei Kireev Russia
2 Mirko Trasciatti Italy
3 Rafayel Ordyan Armenia

Kingdomino
1 Vladimir Kovalev Russia
2 Giacomo Frassoldati Italy
3 Ricardo Araujo Portugal

Lost Cities
1 Wan Ju Tsai Taiwan
2 De Toffoli Italy
3 David Chen United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland

Memory Skills
1 Andrea Muzii Italy
2 Simon Reinhard Germany
3 Jan Zoń Poland

Omaha Turbo Poker
1 –PredwestniK– Russia
2 Pietro Rossi Italy
3 Piero Zama Italy

Three-check Chess
1 Mirko Trasciatti Italy
2 Andres Kuusk Estonia
3 Aron Saunders United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland
3 Martyn Hamer United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland
3 Etan Ilfeld United States of America

Veletas
1 Giacomo Frassoldati Italy
2 Maurizio De Leo Italy
3 Kanstantsin Nord Belarus

ITALIANI IN GARA

Accorsi Alessandro
Arcudi Paolo Arpaolo
Azzoni Elisa Bonsy3
Bandiera Marco JuntaK
Barbaro Manfredi Manfro5002 – Joker5000111
Barbolan Stefano
Barborosso Stefano BarboRosso
Barsotti Paolo
Benassi Giorgia
Benini Alessandro
Biancon Maria Teresa terry69
Bicego Alessio
Bolfelli Cristina
Bozzi Lorenzo
Buccoliero Fabio Bucco
Calamida Alessandro
Calogero Daniele
Cardellicchio Cosimo
Carpignano Marino
Carrara Cristian
Cartoni Spinelli Pietro
Cassano Roberto Tamerlano
Caviola Leonardo
Cifarelli Claudia Xena84
Ciuccatosti Paolo
Conte Marco Marconte
Costi Simona
Cristofani Michele
De Camillis Giuseppe
De Leo Maurizio Megamau
De Simone Marco Vjger
De Santis Marco ddt – biglia42
De Toffoli Dario ddt – biglia42
Del Pra Marco
Di Fabio Silvio
Di Mattei Alessandro
Di Violante Maria Grazia
Dodea Cristina CrissRoma
Domani Cristian ICMcarra
Dominici Angelo
Farini Filiberto R.
Ferri Daniele Vegeboss
Fiordoliva Francesco StarmanFFITA – Fortissimo
Forcolin Stefano
Frassoldati Giacomo
Gastoni Eliseo
Gastoni Marco
Gianfelici Luca
Gueci Riccardo Scabripok
Lanzavecchia Pierdante
Lisciotto Paolo
Lonardi Pietro
Magrì Elena leidasola
Marchetto Stefano Pandevmonium
Mariotti Marco
Martinelli Alessandro
Mauriello Francesca Nakyra
Mazzilli Piero
Mercuri Alessia WhiteLF – Gematria25
Messore Chiara
Metta Carlo
Micci Riccardo
Modolo Piero Pierello
Montelucci Giuliano
Muzii Andrea
Pace Alessandro
Panades Ignazio
Pitacco Adriana
Pretto Gianni OOXX
Reale Cesco
Regnani Emanuele
Riccetti Lamberto
Rinaldi Marco
Rosin Umberto Leibniz
Rossi Pietro pedrored2021
Salerno Francesco Frasco
Salomon Calogero
Salzano Alessio aethelfirth
Scognamiglio Paolo
Serio Danilo
Sisci Eleonora Camomi89
Soranzo Gabriele gabriele_bseo
Sorrenti Paolo paolo73
Sperandio Roberto
Tarabelli Alessio tara259
Teatini Stefano Oberon1980
Tomao Giulio
Trasciatti Mirko IlSicariodeiPoveri
Turati Michele
Turitto Pierpaolo
Valeri Federico
Ventola Francesco Coppiere – IlCoppiere
Ventura Emanuela
Vironda Claudio Il viscido
Vitali Gabriele
Zama Nabendu Piero Nabendino
Zucchi Mattia Matt_VR

Programma del giorno Italiani in gara Risultati significativi
venerdì 13 agosto 2021
12:00 Logic Puzzles Ferri – Montelucci – Benassi – Forcolin – Lanzavecchia – De Camillis
20:30 Tichu De Toffoli – Gueci – Buccoliero Gueci 3° ex aequo (6° per tie-break)
20:30 Scacchi
(Crazyhouse-Swiss)
De Leo – Gueci – Trasciatti Trasciatti ARGENTO
20:30 7 Wonders Modolo – Sorrenti – De Simone – Teatini – Tarabelli – Bolfelli – Manfredi – Sisci
20:30 Poker (Hold’em Turbo) De Toffoli – Zama – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Conte  Fiordoliva ORO – Zama 34° su 377 – Ventola 58°
sabato 14 agosto 2021
09:00 Memory (day1) Muzii – Regnani
16:30 Carnegie Rosin
16:30 Catan (qualif.) De Toffoli – De Simone
16:30 Terra Mystica (14-15) Bicego
18:00 LOA (blitz) De Leo – Salerno – Rossi – Gueci Salerno 2° ex aequo (4° per tie-break)
21:00 Scacchi (960) Gueci – Trasciatti Trasciatti BRONZO
domenica 15 agosto 2021
09:00 Memory (day2) Muzii Muzii ORO
16:30 Mental Calculation (qualif.)
16:30 Catan (finali) Eventuali qualificati
16:30 Res Arcana Modolo
16:30 Dama russa
20:30 Innovation
20:30 Takenoko Buccoliero – Teatini – Benini – Bolfelli – Rossi
20:30 Hive (base) De Leo – Salerno De Leo e Salerno 3° ex aequo (Salerno BRONZO)
20:30 Poker (Omaha Turbo) De Toffoli – Zama – Arcudi  – Barbaro – Gueci – Rossi – Mercuri Rossi ARGENTO – Zama BRONZO
20:30 Scacchi (Arena) Gueci – Mazzilli
martedì 17 agosto 2021
20:30 Poker (Five Card Draw) De Toffoli – Zama – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Modolo – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Conte De Toffoli 13° su 216
mercoledì 18 agosto 2021
20:30 Backgammon (1p) De Toffoli – Zama – Arcudi – Ventola – Barbaro – De Leo – Gueci – Dodea – Zucchi – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Soranzo – Micci – Conte Fiordoliva 5° ex aequo
20:30 Dominion (base) Sorrenti – De Simone – Mauriello – Tarabelli – Salerno
20:30 Quarto! De Toffoli – Barbaro – De Leo – Gueci – Ferri – Modolo – Salzano – Buccoliero – Mercuri – Bandiera – Salerno – Zama Buccoliero 7° ex aequo
20:30 Scacchi (King of the Hill) Gueci – Trasciatti – Serio Trasciatti ARGENTO
giovedì 19 agosto 2021
13:00 Creative Thinking De Toffoli – Barbaro – Gueci – Teatini – Rossi Gueci 5°
19:45 7 Wonders Duel Sorrenti – De Simone – Teatini – Sisci – Marchetto – Tarabelli
20:30 Backgammon (3p) De Toffoli – Arcudi – Ventola – Gueci – Dodea – Zucchi – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Soranzo – Conte
20:30 6 Nimmt! De Toffoli – Zama – Barbaro – Gueci – Ferri – Modolo – Ciuccatosti – Rossi – Soranzo – Bandiera – Tarabelli – Conte – Pitacco – Tomao – Turitto
20:30 Zertz De Leo
venerdì 20 agosto 2021
20:30 Backgammon (Hypergammon) De Toffoli – Arcudi – Barbaro – Gueci – Dodea – Zucchi – Mercuri – Fiordoliva – Soranzo – De Leo – Conte – Ventola – Pretto
20:30 Dominion Expansion Salerno – De Simone
20:30 Lines of Action De Leo – Gueci – Rossi – Salerno Salerno 2° ex aequo (4°)
20:30 Can’t Stop De Toffoli – Barbaro – Gueci – Ferri – Modolo – Buccoliero – Teatini – Rosin – Cardellicchio – Soranzo – Fiordoliva – Pitacco – Lisciotto – Conte – Frassoldati – Rossi – Sisci
20:30 Poker (Seven Card Stud) De Toffoli – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Zama
sabato 21 agosto 2021
15:15 Twilight Struggle Buccoliero – De Santis – Farini
16:30 Catan Crazy Rules
16:30 Through the Ages
20:30 Backgammon (11p) De Toffoli – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Ferri – Dodea – Rossi  – Pretto – Cartoni Spinelli – Mercuri Pretto BRONZO
16:30 Oware De Leo – Modolo – Rossi
16:30 Quoridor De Leo – Gueci – Salerno
20:30 Tumbleweed De Leo – Panades De Leo 3° ex aequo
21:00 Scacchi (Three-check) Gueci – Trasciatti – Serio Trasciatti ORO
domenica 22 agosto 2021
16:30 Backgammon (Nackgammon) De Toffoli – Arcudi – Ventola – Barbaro – De Leo – Gueci – Dodea – Mercuri – Rossi -Zama – Zucchi
16:30 Beyond the Sun Teatini Teatini 4° ex aequo
16:30 Tzolk’in
16:30 Mental Calculation (semif.)
16:30 Entropy Ventola – De Leo
16:30 Go (19×19) Pace – Metta – Martinelli – Lonardi – Mariotti
17:00 Scacchi (Swiss) Gueci – Magrì – Trasciatti – Cassano
20:30 Poker (Omaha Heads-up) De Toffoli – Zama – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Modolo – Trasciatti
21:00 Scacchi (Horde) Gueci – Cassano – Trasciatti Gueci 7°
lunedì 23 agosto 2021
20:30 Acquire (qualif.) De Toffoli – Gueci – Modolo
20:30 Poker (Showtime Hold’em) De Toffoli – Zama – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Conte – Trasciatti De Toffoli 4° su 244
martedì 24 agosto 2021
20:30 Acquire (finali) Eventuali qualificati
20:30 Cryptic Crossword Trasciatti
20:30 Scacchi (Colour Chess) De Leo – Gueci – Trasciatti – Cassano De Leo 4°
20:30 Poker (Six-plus) De Toffoli – Zama – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Modolo – Conte – Trasciatti De Toffoli 16° su 199
mercoledì 25 agosto 2021
20:30 Nidavellir Rosin – Bolfelli – Azzoni
20:30 Stone Age (qualif.) De Toffoli – Zama – Barbaro – Gueci – Caviola – De Simone – Buccoliero – Teatini – Gianfelici – Tarabelli – Messore – Mauriello
20:30 Sudoku Rossi – Bandiera
20:30 Go (9×9) Salerno – Martinelli – Panades
20:30 Scacchi (Racing Kings) Gueci – Trasciatti – Serio – Cassano
20:30 Backgammon (5p Blitz) Arcudi – Ventola – Ferri – Rossi – Zucchi – Pretto
giovedì 26 agosto 2021
20:30 Stone Age (finali) Eventuali qualificati Teatini 7° ex aequo
20:30 Backgammon (5p Speed) De Toffoli – Arcudi – Ventola – Dodea – Zucchi – Mercuri – Rossi – Conte
20:30 Lucky Numbers De Toffoli – Barbaro – Gueci – Ferri – Cardellicchio – Magrì – Conte – Tarabelli – Dominici – Ventura – Di Violante – Pitacco – Barbolan – De Simone – Bandiera – Rossi
20:30 Alhambra Barbaro – Caviola – Cifarelli – Valeri Cifarelli 2ª ex aequo (4ª)
20:30 Gomoku De Leo – Gueci – Caviola
20:30 Dama internazionale De Leo
20:30 Scacchi (Crazyhouse-Arena) Gueci – Trasciatti – Cassano
venerdì 27 agosto 2021
20:30 Backgammon (7p) De Toffoli – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Dodea – Zucchi – Mercuri – Rossi – Conte – Bandiera Ventola 5° ex aequo
20:30 Clans of Caledonia Calamida
20:30 Splendor Caviola – De Simone – Teatini – Ventura – Tarabelli
20:30 Speed Reading Di Fabio – Calogero – Bandiera
20:30 Hex (14×14) De Leo – Reale
20:30 Go (13×13)
20:30 Scacchi (Atomic-Arena) De Leo – Gueci – Trasciatti – Cassano Trasciatti 5° ex aequo
20:30 Poker (Omaha Hi-Lo) De Toffoli – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Zama De Toffoli 12° su 205
sabato 28 agosto 2021
15:00 Kingdomino De Toffoli – Barbaro – Gueci – Ferri – Modolo – Caviola – Bandiera – Frassoldati – Carrara – Cristofani – Bolfelli Frassoldati ARGENTO
16:30 Catan Cities and Knights
16:30 Gaia Project Marchetto – Del Pra
16:30 Othello Zama – De Leo – Gueci – Caviola – Mercuri – Rossi – Di Mattei – Sperandio – Scognamiglio – Barsotti – Rinaldi – Ventola – Salerno
16:30 Twixt Cardellicchio
17:00 Scacchi (Bullet-Swiss) Trasciatti – Serio
20:30 Jaipur De Toffoli – Zama – Gueci – Modolo – Barbolan – Caviola – Carrara
20:30 Hive (Expansion) Salerno
20:30 Dama (Breakthrough) De Leo
20:30 Scacchi (Atomic-Swiss) Gueci – Cassano – Trasciatti Trasciatti ARGENTO
domenica 29 agosto 2021
16:30 Circle of Life De Leo – Conte De Leo 2° ex aequo (5°)
16:30 Perudo De Toffoli – Zama – Ventola – Barbaro – Gueci – Ferri – Buccoliero – Mercuri – Rossi – Vitali – Turati – De Simone
16:30 Togyzkumalak Modolo
20:30 Lost Cities De Toffoli – Barbaro – Gueci – Modolo – Fiordoliva – Magrì – Tomao – Carrara De Toffoli ARGENTO
20:30 Catan Bullet
20:30 Veletas De Leo – Frassoldati Frassoldati ORO – De Leo ARGENTO
20:30 Poker (Hold’em Heads-up) De Toffoli  – Arcudi – Ventola – Barbaro – Gueci – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Zama
20:30 Shogi Salomon
20:30 Scacchi (Anti-Chess) Gueci – Cassano
lunedì 30 agosto 2021
16:30 Agricola Ciuccatosti – Bozzi
16:30 Ticket to Ride De Toffoli – Gueci – Teatini – Ventura – Mauriello
16:30 Mental Calculation (finali)
16:30 Scacchi Cinesi (Blitz) De Leo
16:30 Tak De Leo – Salerno
20:30 Countdown
20:30 Poker (Badugi) De Toffoli – Zama – Ventola – Gueci – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Modolo – Arcuri
20:30 Dama (Frysk!) Trasciatti
20:30 Scacchi (Bullet-Arena) Trasciatti – Serio – Gueci – Cassano
mercoledì 1 settembre 2021
20:30 Targi Caviola – Buccoliero – Ventura
20:30 Quizzle (Quiz+Riddle)
20:30 Poker (Turbo Horse) De Toffoli – Zama – Ventola – Barbaro – Gueci – Mercuri – Rossi – Fiordoliva – Arcudi Ventola BRONZO
20:30 Dama (Giveaway Russian) De Leo – Trasciatti – Cassano Trasciatti 4° ex aequo (5°)
20:30 Trench
giovedì 2 settembre 2021
20:30 Marco Polo (qualif.) Sorrenti – Teatini – Marchetto – Bolfelli
20:30 Letter Tycoon
20:30 Santorini De Leo – Gueci – Buccoliero
20:30 Scacchi Cinesi (Xiangqi)
venerdì 3 settembre 2021
20:30 Scrabble (Blitz) Ventola
20:30 Lost Ruins of Arnak
20:30 Battlesheep
20:30 Dama (Frisia) De Leo
sabato 4 settembre 2021
16:30 Scrabble
16:30 Puerto Rico Bolfelli – Caviola
16:30 Hex (11×11) De Leo
16:30 Sushi Go! Buccoliero – Teatini – Magrì – De Simone – Sisci – Caviola
16:30 Dama (Brasiliana)
20:30 Pente De Leo
20:30 Welcome To Ciuccatosti – Caviola – Teatini – Cifarelli – Valeri – Sisci
20:30 Poker (Hold’em 6-max) De Toffoli – Zama – Arcudi – Ventola – Gueci – Fiordoliva – Marchetto – Mercuri – Rossi
domenica 5 settembre 2021
16:30 Flaming Pyramids Carrara – Ventola
16:30 Carcassonne Caviola – Riccetti – Accorsi – Costi – Bolfelli – Carrara – Carpignano
16:30 The Castles of Burgundy Mauriello – De Simone
16:30 Abalone De Leo – Salerno – Rossi
16:30 Dama (Pool)
20:30 Marrakech Carrara

CRONACHE DAI TAVOLIERI

Mind Sports Olympiad XXV
ONLINE – 13 agosto-5 settembre 2021

Cronache dai tavolieri – 7 (8 settembre)
ONCE UPON A TIME THERE WAS A CAPTAIN

È finita. Ma la foto di questa volta mostra come è cominciata, nel lontano 1997: c’ero anche io, mi riconoscete?
Quest’anno c’è stata una meravigliosa lotta al vertice con 4 giocatori che hanno fatto cose meravigliose. Alla fine ha prevalso di un soffio il polacco Maciej Brzeski (489,61 punti), con alle spalle un intero anno di intenso e serissimo allenamento. Chapeau! Siete curiosi si sapere chi sia questo campione? Eccovi accontentati:
https://mindsportsolympiad.com/maciej-brzeski-wins-the-2021-pentamind-world-championship/.
Alle sue spalle l’eclettico e brillantissimo cipriota Jordi Alexander (487,04), di nuovo argento, come lo scorso anno.
Questi due “nuovi” personaggi (nuovi, nel senso che non hanno ancora mai partecipato a un’edizione live) sono riusciti in un’impresa che ritenevo impossibile: mettersi alle spalle i nostri due AK, Andres Kuusk (483,99) e Ankush Khandelwal (482,56), 8 Pentamind in due, 4 a testa! E così il record solitario di 5 Pentamind di Demis Hassabis ancora resiste!
Credetemi, sono tutti e 4 grandissimi e correttissimi giocatori, assolutamente il top a livello mondiale.
Se penso che nel 2012 i due AK me li sono lasciati alle spalle, mi corre un fremito d’orgoglio… ma il tempo passa, le mie prestazioni (e il mio impegno) calano mentre loro sono nel massimo fulgore e possono continuare a dominare per molti anni ancora.
Applausi a loro e anche a tante altre vecchie conoscenze delle MSO, che hanno raggiunto ragguardevolissime posizioni di alta classifica.
Per quanto riguarda me, mi spiace deludervi, ma nell’ultima settimana proprio non ho partecipato, un po’ per la stanchezza di una manifestazione così lunga e diluita, un po’ per alcune scelte organizzative che non mi hanno convinto del tutto.
Così mi sono lasciato tentare dal poker live e sono rimasto tutta la settimana a Nova Gorica a partecipare almeno alla seconda parte dei Campionati Italiani delle ISOP (Italian Series of Poker); una scelta dolorosa, perché io amo le MSO, da 25 anni sono per me il più importante appuntamento dell’anno; però una scelta che ha pagato, perché ho vinto un braccialetto nell’Omaha Hi-Lo e sono stato runner-up nel divertente torneo Bounty.
Complessivamente alle MSO ho guadagnato 3 medaglie, l’argento a Lost cities, il bronzo nel World Amateur Poker Championship (la combinata di tutti i tornei di poker) e il bronzo nel Pentamind Senior, dietro a un Paco de la Banda in stato di grazia e a un Riccardo Gueci che mi ha meritatamente sorpassato e che ha partecipato a un impressionante numero di torneo, anche 3 o 4 contemporaneamente.
Purtroppo ci sono stati episodi di giocatori che hanno barato, troppo facile farlo online; è successo negli scacchi, ma anche in altre discipline… forse anche nel poker. Ma che gusto c’è a vincere in questo modo?
Mi consolo leggendo le bellissime e sagge parole di Jordi: “But this would be a hollow victory, even if nobody every finds out you cheated. The only thing of value is knowing deep inside that you truly have managed to be deserving, and this is where sportsmanship comes in- Having good sportsmanship is not just about being socially agreeable, it is indeed a stoic virtue- A clean conscience and a healthy mindset in life.”
Io ho promosso per quel che potevo l’evento, ho fatto un po’ da coordinatore del folto gruppo di italiani che hanno partecipato (loro mi chiamavano “capitano”) e ho raccolto un bel po’ di info in questo sito; ora è tempo che qualcuno prenda il mio posto, l’anno prossimo farò solo parte della ciurma… perciò il motto del giorno è ONCE UPON A TIME THERE WAS A CAPTAIN.
E l’Italia? Bene, quest’anno c’era una vera squadra e siamo finiti con 5 ori, 7 argenti e 7 bronzi, settimi nel medagliere.
Come Pentamind il migliore è stato proprio Gueci (406), seguito da Maurizio De Leo (403). Qui trovate un bel po’ di dettagli:
https://www.studiogiochi.com/mind-sports-olympiad/mso-2021/#italiani

Cronache dai tavolieri – 6 (25 agosto)
WINNING IS MORE FUN

Oh oh, e ci voleva una medaglia a tirar su il morale, tanto più che ha il nuovo design creato per la 25a edizione di queste MSO! Così il motto del giorno è WINNING IS MORE FUN.
Argento nel Lost Cities e pure con qualche recriminazione. Concludo in testa la prima fase del torneo, girone con sistema svizzero, con 7 vittorie su 7 partite, unico a punteggio pieno. Ai playoff vinco la semifinale e poi perdo in finale con un avversario che avevo già battuto nella regular season. Vabbè! Ma i playoff, se ci sono, non dovrebbero essere almeno al meglio delle 3 partite? Altrimenti che senso hanno?
Bene anche il poker, dove sono pronto alla volata finale per la combinata generale, il World Amateur Championship; al momento sono 3°, ma per il gioco degli scarti, teoricamente potrei migliorare più di altri.
Soddisfacente e divertente Kingdomino, mi accontento di un 4/7 in un torneo tostissimo, zeppo di super-specialisti.
Male invece Stone Age (ok, non bastano una decina di partite per masterizzare al meglio il gioco), a Jaipur (credo di aver ampiamente sottovalutato questa specialità) e a Perudo (ma sono io che non ho ben capito il gioco o sono stato perseguitato da un fattore C avverso?).
Stregato anche l’amato Backgammon dove ho avuto un differenziale medio di luck negativo pari a 3 (dico, medio su tutte le partite, il che è oggettivamente statisticamente improbabile)… vabbè, bisogna farsene una ragione.
Intanto l’Italia ha preso un altro oro nell’Othello con Alessandro Di Matteo e anche altre medaglie, ma i risultati ufficiali non sono stati ancora pubblicati, quindi dettagli nella prossima cronaca.
In testa al Pentamind Maciej Brzesky ha fatto cose incredibili, ma Ankush Khandelwal, Andres Kuusk e Jordi Alexander non mollano e a loro volta stan facendo cose incredibili: stupore ed emozione! Sono gli stessi dell’anno scorso, attualmente sono i più forti del mondo. Ne dettaglieremo nella cronaca finale.
Io nel Pentamind Senior mi gioco l’argento con Riccardo Gueci, credo che l’oro ormai sia in mano dell’amico Paco de la Banda… difficile raggiungerlo!
Oggi Ticket to Ride e Badugi (una particolare variante del poker) e domani ne combinerò una delle mie!
Mollo tutto e vado a Nova Gorica per partecipare (live, finalmente) almeno all’ultima parte dei Campionati Italiani di poker ISOP (bellissimi!); da lì spero di riuscire a fare anche qualche torneo online delle MSO, ma non lo so “Que Sera Sera”!
Take care, guys!
https://www.studiogiochi.com/mind-sports-olympiad/mso-2021/#italiani

Cronache dai tavolieri – 5 (25 agosto)
BE GREATER THAN AVERAGE

Ragazzi, sto esaurendo la scorta di T-shirt, perciò oggi prendo a prestito la maglietta delle MSO 2019, realizzata da Bondora, l’azienda estone del grande campione Andres Kuusk e il motto è BE GREATER THAN AVERAGE.
Mi sembra particolarmente adatta ai tornei di poker, proprio perché nel poker l’”average” (la media) è un valore da tenere sempre presente; infatti indossandola mi è capitato di vincere un paio di tornei… sarà un caso, ma io la indosserò ancora 😜. Nella foto la formula è un po’ nascosta dalle chips, ma voi potete certo ricostruirla tutta.
Venendo alla cronaca delle mie gare, ho rinunciato all’amato Oware (che l’anno scorso mi ha dato il bronzo) per concentrarmi sul torno di Backgammon agli 11 punti. Ma quest’anno il backgammon sembra stregato, infatti ho perso al secondo turno e ho perso anche il giorno dopo al Nackgammon. E non posso lamentarmi di come ho giocato, facendo la media (ponderata) dei miei PR (performance rating) mi ritrovo con 7, che non è male considerando che i tornei sono piuttosto veloci. I miei avversari hanno giocato in media abbastanza peggio (col PR fra 10 e 11), ma hanno avuto un differenziale medio di Luck a loro favore di circa 3, il che su un numero elevato di partite è piuttosto improbabile. Poche altre chance di migliorare il backgammon.
Lunedì 23 ho avuto il mio momento di gloria (poi sfumato per un soffio); ho giocato contemporaneamente Acquire (non potevo mica perdermelo!) e poker nella variante Showtime (come hold’em, ma chi folla lascia le carte scoperte sul tavolo). Ebbene ho vinto le prime due partite di Acquire e sono arrivato al tavolo finale del poker fra 244 giocatori.
Nella terza partita ero messo discretamente, diciamo che al momento valevo la seconda posizione, ma ho fatto un clamoroso misclick, comperando le inutili Worldwide (marroni) anziché le determinanti Continental (celesti)… forse la stanchezza, ma questo ha irrimediabilmente compromesso un torneo che stava andando alla grandissima. Nel poker intanto son finito 4°… la cosiddetta “medaglia di legno”; vabbè buono per la combinata pokeristica, visto che ho anche qualche altro risultato di alta classifica, seppur senza medaglia.
Comunque nel complesso le mie MSO sono finora veramente deludenti e non onorano il motto della t-shirt, anzi, siamo ben sotto la media!!!
Stasera Stone Age, mi cimento per la prima volta, ma ci sono molti grandi specialisti. Vedremo.
Fra gli altri italiani Gianni Pretto BRONZO nel Backgammon 11p, e di nuovo Mirko Trasciatti, ORO negli scacchi “Three-check”. Ottimo anche Riccardo Gueci 5° nel Creative thinking (io ci ho provato, ma con risultati meno brillanti, forse sono stato troppo serio e poco demenziale!); nel sito comunque trovate sia le tracce che gli svolgimenti miei e di Gueci.
https://www.studiogiochi.com/mind-sports-olympiad/mso-2021/#italiani

Cronache dai tavolieri – 4 (21 agosto)
THINK OUTSIDE THE BOX

Diciamo che ho cominciato a giocare, ma per risalire la classifica qui bisogna escogitare qualcosa di particolare, quindi il motto del giorno è: THINK OUTSIDE THE BOX.
Martedì 17 c’era solo il poker (Five card draw: quello con le 5 carte in mano, ma naturalmente con il mazzo completo e i due bui); finalmente l’hanno reso un po’ più giocabile e diciamo che un 13° posto su 216 giocatori non è male; la mano che mi ha impedito di volare ancora più alto era un colore servito cozzato contro un full chiuso cambiando 2 carte… e per fortuna lui aveva meno chips di me!
Ufficializzato l’oro dell’Hold’em a Francesco Fiordoliva, che ha fatto bene anche nel Five card e promette di dare battaglia in tante specialità
Intanto hanno sistemato la “All Time Medal Table” e diciamo che sono abbastanza orgoglioso della mia posizione: https://mso.juliahayward.com/Report/IndividualMedals?page=1
Mercoledì 18 soddisfazioni dagli scacchi con l’oro di Gaetano Grasso nella variante “King of the hill”, accompagnato da un altro bronzo di Mirko Trasciatti. E bravi i nostri scacchisti!!!
A Quarto! dominio di Kuusk con Brzesky argento: hanno davvero portato il gioco a un altro livello tecnico. Io l’ho fatto per divertirmi e sostanzialmente senza alcun allenamento e mi sta bene il 5/10 con cui ho concluso, buttando pure una partita perché giocavo in contemporanea a Backgammon 1p (passato un turno e poi perso contro uno che giocava veramente male, col PR intorno ai 20, ahi ahi) e la decima e ultima partita perché ormai non ero più in grado di distinguere i pezzi.
Btw, Quarto è arrivato in Italia per merito di Unicopli (l’insostituibile Gianfranco Fioretta!) e noi siamo correi della sua diffusione; qui la pagina del 1° Campionato Italiano, datato 1994, che organizzammo a Urbino nell’ambito del Festival Italiano dei Giochi: https://www.studiogiochi.com/campionati/quarto/#1994
Giovedì altro torneo di una vecchia conoscenza, il Sei (6 nimmt), giocato però con il numero di carte proporzionato ai giocatori e con la variante “professionale” che permette di inserire le carte anche a sinistra: non tutto si può controllare, ma certamente più del gioco base; sono finito 30° su 130… decoroso.
Rammarico invece dal backgammon, c’era il torneo a 3 punti e ho giocato con un PR di 1,26 (che per me è eccezionale, classificato World Champion), ma non è bastato, visto che ho perso contro un PR di 11,45 (Advanced); nessun problema, so fin troppo bene cosa il backgammon dà e toglie… per questo penso assomigli un po’ alla vita: non importa quali sono i tuoi dadi, devi sempre cercare di fare la mossa migliore in quella situazione.
In serata sono arrivati anche i quesiti del Creative thinking, molto stimolanti; li potete trovare in una tab del sito e vedremo come andrà; voi intanto pensate a quali sarebbero state le vostre risposte: https://www.studiogiochi.com/mind-sports-olympiad/mso-2021/#creative_thinking
Venerdì 18, dopo la consegna dello svolgimento del Creative thinking, sono stato talmente scriteriato da cimentarmi in 3 tornei contemporaneamente: Hypergammon, Seven card stud e Can’t stop, ma… “chi troppo vuole nulla stringe”. Lo sapevo, ma ho voluto lo stesso togliermi lo sfizio.
No, no, non lo farò più! Forse!

Se volete dettagli sulle parti alte delle classifiche, sul medagliere e sui risultati completi dei singoli tornei, andate in questa pagina e cliccate quello che vi interessa: https://mso.juliahayward.com/
Se invece volete saperne di più sulle lotte di vertice che vedono gli stessi protagonisti dello scorso anno, potete andarvi a leggere le cronache nelle pagine fb di Andrees Kuusk (google l’estone lo capisce perfettamente!) o di Jordi Alexander.
Maciej Brzesky al momento è in fuga, ha già 474 punti Pentamind con 5 punteggi sopra i 90… e non ha ancora giocato a scacchi, che sono il suo gioco. Chapeau.

Cronache dai tavolieri – 3 (16 agosto)
AVOID NEGATIVITY

Facciamo finta che le mie Mind Sports Olympiad debbano ancora cominciare… i prossimi risultati non potranno essere peggiori di quelli dei primi tre giorni… ma il mindset deve restare positivo, quindi il motto del giorno è: AVOID NEGATIVITY!
Tichu: era solo per provare, per aggiungere un titolo nuovo alla lista delle mie competizioni; mi sono anche divertito, ho imparato e va bene così.
Catan: qui è stato davvero frustrante; ho dovuto ritirarmi dal torneo per un’infrazione involontaria che ho commesso. Al mio tavolo un giocatore si è sconnesso improvvisamente ed è stato sostituito da un bot, ma io non me ne sono accorto perché è rimasta l’icona col nome del giocatore… solo era comparso un microscopico disegnino che non ho notato; la regola impedisce (giustamente) di commerciare con i bot, ma non sapendo che era un bot ho accettato una sua vantaggiosa offerta. Penalità e conseguente ritiro. Maccheccavolo, se un giocatore non c’è più, cambiate la sua icona, uffete!
Poker: Tornei da 3-400 persone che finiscono in 2 ore, inutilmente “turbo”… non c’è il tempo per giocare seriamente. Ho fatto 91° su 377, piazzamento decoroso… che non serve a nulla.
Però intanto qualche soddisfazione arriva dagli altri italiani.
A Omaha Pietro Rossi argento e Nabendu Zama bronzo.
Mirko Trasciatti argento e bronzo in due varianti scacchistiche.
Grande prestazione di Francesco Salerno, 2° ex aequo nel blitz di LOA (ma 4° per spareggio tecnico).
Il più scatenato di tutti è Riccardo Gueci che ha già fatto millanta tornei, anche 3 in contemporanea, macinando parecchi buoni piazzamenti ma senza medaglie (a Tichu 3° ex aequo).
Concludiamo con il meritatissimo oro di Andrea Muzii nella gara di memoria, non c’è nessuno al mondo in grado di batterlo… per questo ho insistito con l’organizzazione per aggiungere la disciplina 😉

Qui la sua gara: https://www.twitch.tv/videos/1118869231
Qui potete vedere cosa è in grado di fare Muzii in multi-tasking, assolutamente oltre l’umano: https://www.facebook.com/andrea.muzii/videos/232504388763295/

Qui gli italiani in gara:
https://www.studiogiochi.com/mind-sports-olympiad/mso-2021/#italiani

Qui le pagine ufficiali… sempre in ritardo con gli aggiornamenti:
https://mso.juliahayward.com/Report/EventResultsIndex
https://mso.juliahayward.com/Report/PentamindStandings

Cronache dai tavolieri – 2 (13 agosto)
KNOW NOTHING

Avete presente quello che succedeva subito prima di un esame? Quella sensazione di non ricordare nulla e non essere per niente preparati? Beh, oggi è uguale, fra poche ore si comincia e la sensazione di non essere pronto per nessuna gara: quindi il motto del giorno è proprio KNOW NOTHING.
Forse ho messo in cantiere troppi tornei, specie di giochi che non avevo mai fatto, perché una delle cose che mi piacciono è proprio competere su giochi nuovi, così aumento la lista di giochi dei quali ho preso parte a competizioni ufficiali (siamo già oltre i 100!). Il rovescio della medaglia è che disperdendo il limitato tempo a disposizione per gli allenamenti, la preparazione alla singola disciplina ne risente. Vabbè, l’importante è divertirsi e per noi le MSO son come per un maiale sguazzare nel fango!
Il primo grave dubbio che mi attanaglia è già per stasera. Fare solo Hold’em o giocare in contemporanea anche a Tichu? C’è rischio di rovinare entrambe le prestazioni… uhmmm, ma c’è anche la voglia di strafare, di godersela a più non posso in questa enorme orgia ludica. Alla fine ho deciso, proprio ora mentre scrivo, farò solo Hold’em e ci saranno parecchia altri italiani. Altri faranno 7 Wonders, un gioco molto bello, che ho scoperto molto più profondo di quanto immaginassi.
Domani Catan e saremo in molti. Poi il Campione del Mondo Andrea Muzii da cui ci aspettiamo l’oro nella gara di memoria. Poi ancora LOA (De Leo, Salerno) e scacchi vari. Domenica finali di Catan (per chi si qualifica) e poi Res Arcana, dove vedo molto agguerrito il nostro Modolo, che mi dà anche una mano con la traduzione delle Cronache e poi e poi e poi.
Ora parliamo un minuto del Pentamind, la massima combinata, quella che laurea il Campione del Mondo. Passati i tempi in cui competevo per il podio, ora si lotta per il titolo senior… ma è bello lo stesso, ci si sente vivi!
Qui la spiegazione completa: https://mindsportsolympiad.com/pentamind-world-championship/

Sostanzialmente bisogna tener conto dei 5 migliori risultati in 5 diverse discipline. La formula è mutata nel tempo (complicandosi) per tener conto del numero di partecipanti alle varie gare e quest’anno si è pure duplicata per calmierare un po’ il punteggio nei tornei con oltre 100 partecipanti (soprattutto quelli di poker, che possono superare anche i 1.000). Chi ha voglia, se la studi pure!
Insomma il Pentamind è una classifica a punti, un’appassionante gara che dura fino all’ultima competizione.
Il che mi riporta alla postilla olimpica e alle riflessioni sul medagliere. Dicono che il medagliere per nazioni non è riconosciuto… ma tutti i media del mondo lo pubblicano e lo riconoscono. E quello che conta è solo l’oro, con l’argento che fa da spareggiatore e il bronzo che spareggia l’argento. Ma perché un oro deve valere più di 10 argenti e un argento più di 10 bronzi? Se proprio un medagliere ci deve essere, non sarebbe meglio una normale classifica a punti, tot per l’oro, tot per l’argento, tot per il bronzo, per il 4° posto, e così via fino alla semplice qualifica…che in molti casi è già un grande successo? Un po’ come la Formula 1. E perché non dovrebbero esserci anche gli sport della mente? Forse che il Bob a 4 è più diffuso di Scacchi, Backgammon e Poker? Forse che ci sono più saltatori con l’asta che praticanti di Catan o 7 Wonders? Ne riparleremo.
Qui gli italiani in gara:
https://www.studiogiochi.com/mind-sports-olympiad/mso-2021/#italiani

Cronache dai tavolieri – 1 (11 agosto)
DON’T PANIC

Ci siamo! Fra due giorni, venerdì 13 agosto, iniziano le XXV Mind Sports Olympiad, che vedranno la mia 22ª partecipazione e termineranno il 5 settembre.
E il primo e più importante consiglio è sempre: DON’T PANIC!

Neanche a dirlo si svolgerà tutto online: vabbè, tocca adattarsi, sperando di tornare a Londra dal vivo nel 2022!
Sono comunque in programma oltre 100 competizioni di giochi da tavolo e discipline mentali, non c’è nulla di simile al mondo. A questo link il programma completo: https://mindsportsolympiad.com/mso-2021/
Cliccando su ogni torneo ci si può iscrivere e si ottengono dettagli della gara.

Sono molti gli italiani che scenderanno “in pista”; oltre a me si sono già iscritti Piero Nabendu Zama, Riccardo Gueci, Daniele Ferri, Paolo Arcudi, Manfredi Barbaro, Paolo Ciuccatosti, Maurizio De Leo, Andrea Muzii, Piero Modolo, Francesco Salerno, Alessio Salzano e Francesco Ventola ma parecchi altri sono in procinto di farlo.
Cercheremo di tenervi informati quanto più possibile su partecipazioni e risultati.

Alcuni di noi si sono iscritti a molti più tornei di quanti sia umanamente possibile farne, riservandosi poi di scegliere via via a quali effettivamente partecipare a seconda dell’andamento delle gare. La flessibilità è una delle chiavi per ottenere buoni risultati.
A questo link la tabella con i ment-atleti italiani in gara, suscettibile di continui aggiornamenti: https://www.studiogiochi.com/mind-sports-olympiad/mso-2021/#italiani
Pronostico chiuso per quanto riguarda il podio del Pentamind (la combinata generale), con Ankush Kahndelwal, Jordi Alexander, Andres Kuusk, Macjei Brzesky che stanno già scaldando i motori: salvo sorprese e nomi nuovi, saranno ancora loro a giocarsi il titolo generale.
Noi “vecchietti” (io, Zama e Gueci) ce la metteremo tutta per il titolo senior, che l’anno scorso ci è stato soffiato dall’amico Paco de la Banda (peraltro un giocatore bravissimo e completo)… ma ogni anno passa un anno!

Avremo occasione di parlare delle singole specialità, del meta-gioco del Pentamind e delle altre classifiche multiple, ma lasciatemi fare qualche osservazione sul medagliere, proprio in questi giorni che ci siamo tanto beati delle imprese italiane alle Olimpiadi di Tokyo.
I media hanno dato enorme risalto al record di 40 medaglie italiane, battendo le 36 di Roma… ma dove l’hanno visto questo record? Senza nulla togliere ai magnifici atleti che hanno vinto, i media ci marciano addomesticando i numeri per accontentare il gregge dei lettori:
1) Nel medagliere contano prima di tutto le medaglie d’oro (che ci piaccia o meno), e a Roma nel 1960 gli ori sono stati 13; e Roma non è stato l’unico caso in cui abbiamo superato il bottino di 10 ori.
2) A Roma l’Italia è finita 3ª (dietro solo a Urss e Usa), a Tokyo 10ª.
3) A Roma la gare sono state 146, a Tokyo più del doppio, 339; vuol dire una medaglia ogni 4 gare a Roma, una ogni 8,5 gare a Tokyo… meno della metà!
E potrei continuare a lungo… senza contare le tante cose che avrei da dire sul concetto stesso di medagliere e di stato nazionale e di tante altre cose che non interessano a quasi nessuno.

CRONACHE DAI TAVOLIERI

Mind Sports Olympiad XXV
ONLINE – 13 agosto-5 settembre 2021

Day 6-11 (25 agosto)

Quarto Oro e quinto, sesto Bronzo per l’Italia.
Quando siamo giunti oggi al fatidico giro di boa delle Olimpiadi (ricordo che si concludono il 5 settembre) l’Italia è al secondo posto nel medagliere, dietro gli inglesi e prima dell’Estonia.
Vincitore dell’Oro stavolta è stato il mattatore azzurro, Mirko Trasciatti, nell’ennesima variante eteredossa degli Scacchi il Three Check Chess (si vinceva oltre per il solito Scaccomatto anche al terzo scacco semplice), che aggiunge all’Argento e ai 2 Bronzo conquistati il metallo più pregiato. Bottino davvero splendido.
Il Bronzo invece arriva nel Blackgammon a 11 punti da Gianni Pretto e nell’Acquire con Bernardo Battistotti.
Il turbillon di tornei che si sono susseguiti e accavallati in questi ultimi 6 giorni di gara sono stati talmente devastanti e stressanti che non mi hanno lasciato le forze e il tempo per raccontarvi giornalmente quello che è successo. Me ne scuso con quel paio di lettori che ha voglia ancora di seguirmi 😊
Tranquilli proverò ad essere il più sintetico possibile.
Il sesto giorno come ormai di consueto ho giocato contemporaneamente il “6 Nimmt!” e il Backgammon (3 punti).
Nel primo dopo alterne fortune perdo un buon piazzamento proprio allo scadere e scivolo 34° su 103, nel secondo vengo invece eliminato ai sedicesimi di finale.
Nessun azzurro ottiene piazzamenti significativi.
Vengono però consegnate le 4 tracce del “Pensiero Creativo” che l’anno scorso mi vide prendere una medaglia di legno.
Come al solito si hanno 24h di tempo per realizzare gli elaborati e rispedirli per essere valutati. Confesso che la notte dopo le gare di cui vi ho parlato ho davvero dormito poco, tanto avevo la testa a creare idee fantasiose, e insomma la mattina dopo mi sono messo all’opera supportato anche da qualche idea di mia figlia e poi nel pomeriggio dall’ottimo traduttore in inglese, l’amico prezioso Carlo Di Franco che ringrazio pubblicamente. Sì perchè la lingua ufficiale di tutto è l’inglese e con le mie capacità chissà quanto avrei impiegato…
Bel risultato davvero perchè alla fine sono giunto 5° su 43, dietro 4 madre lingua inglesi! Beh loro sono decisamente avvantaggiati.
Pubblicherò tracce e miei elaborati se vi interesserà leggerli.
Il settimo giorno di gare mi vede impegnato contemporaneamente in Hipergammon (ancora eliminato ai sedicesimi), in Lines of Action (mi piace molto indipendentemente dal modesto risultato), in Can’t Stop (dove il 30% di fortuna mi ha girato regolarmente le spalle e sempre sul finire mi ha privato di un piazzamento più onorevole) e infine il Poker Seven Card Stud (esco 89° su 193 giocatori). Insomma niente da ricordare, purtroppo però neanche per gli altri azzurri impegnati anche se alcuni un po’ meglio di me.
Ottavo giorno. Backgammon agli 11 punti e Quoridor di pomeriggio, la sera Scacchi Three check. Nel Backgammon, dove ha vinto il Bronzo come sopra detto Gianni Pretto, riesco ad arrivare agli ottavi e sono abbastanza contento visto gli specialisti in campo, nel Quoridor invece dopo tre partite di cui una vinta e due perse, mi distraggo dal contemporaneo Back e non mi accorgo che il quarto dei 10 turni era iniziato e mi buttano fuori dal torneo (sulla piattaforma BGA purtroppo è così). Peccato perchè è un gioco che mi piace molto e incontrare i migliori del mondo sarebbe stato stimolante.
Infine la sera il Three check. Inizio scioccante perchè non conoscendolo completamente non avevo idea delle trappole d’apertura esistenti, poi ho preso le misure e ho terminato 22° su 46. Qui ripeto splendida la vittoria dell’eclettico scacchista Mirko Trasciatti.
Nono giorno. Di pomeriggio Nackgammon 7 punti (fuori ai sedicesimi) e contemporaneamente Scacchi classici (finalmente!) a 10′ (cadenza umane 😊) e ottengo un ottimo 8° posto su 103 giocatori con 5 su 7, insieme al solito Mirko Trasciatti e dietro uno straordinaro Gaetano Grasso che giunge 2°-6° appaiato, ma perde le medaglie per spareggio tecnico.
La sera è invece il turno del Poker Omaha Heads-up (uscito abbastanza presto, ma Gaetano Grasso giunge quarto) e in contemporanea gli scacchi Horde Arena per 2 ore. Una variante quest’ultima davvero incredibile: 36 pedoni Bianchi contro lo schieramento solito del Nero. Dopo lo smarrimento iniziale ci prendo gusto e comincio a macinare e per oltre un’ora e mezza lotto per il Bronzo. La stanchezza però (dopo una giornata di gare incessanti) si fa un po’ sentire e chiudo al 7° posto.
Ottimo comunque.
Nel decimo giorno di scena l’Acquire e il Poker Showtime Hold’em.
Nel primo come detto medaglia di Bronzo per il nostro Bernardo Battistotti, mentre chi vi scrive, alla sua prima esperienza, chiude dietro. Nel Poker invece ottimo Dario De Toffoli che giunge quarto su 244 partecipanti! Il sottoscritto solo 96°.
Infine l’undicesimo giorno di gare. Poker Six Plus e Coulor Chess.
Nel primo riesco a superarmi: prima mano, mi vengono AA e un tris di 6 sbucato dal nulla mi butta fuori. La mano del diavolo (666) si sa che fa brutti scherzi 🤣 Bene ancora Dario de Toffoli che esce 16°.
Coulor Chess invece è una variante a sè stante degli Scacchi (infatti non è inserito nel campionato di settore) dove la scacchiera a caselle colorate che cambiano casualmente di partita in partita e che influiscono i pezzi da muovere propri e dell’avversario. Molto interessante. Si gioca su un nuova App e la scopro poche ore prima del torneo. Mi ci butto dentro e poichè è un gioco che mi piace ricevo anche un minimo di gratificazione. Vinco la prima, perdo la seconda per una svista, poi vinco la terza e la quarta, incontro il più forte del torneo con cui non c’è storia e infine mi gioco l’ultima per arrivare quarto-quinto. Guadagno la Donna e mi sento la partita in tasca. Grave errore, regolarmente commesso ciclicamente non so quante volte durante la mia carriera agonistica: perdo concentrazione aspettando solo che ilo mio avversario abbandoni e riesco a fare l’unica mossa che perde 😡😡😡 Nero di rabbia chiudo al 7° posto, che non è male, ma già mi aveva scioccato la prima mano del poker, poi anche quest’ultima chiusura, insomma stanotte non ho dormito sereno 😂
Le classifiche del Pentamind assoluto e Senior, cosi come quelle di settore ve le do prossimamente.
Alla prossima
bye bye

Day 5 (20 agosto)

Terzo Oro per l’Italia e un altro Bronzo.
Scacchi italiani in grande spolvero ieri: Gaetano Grasso 1° e Mirko Trasciatti 3° nel torneo “King of the hill”, una variante degli scacchi dove oltre dando il tradizionale scacco matto si vince anche se si riesce a portare il proprio Re al centro nelle case e4, d4, e5, d5.
Mirko è decisamente il nostro leader scacchistico visto che è già alla sua terza medaglia (1 argento e 2 bronzo), ma certo Gaetano stavolta con l’Oro porta in testa l’Italia nel medagliere provvisorio fra i Paesi, superando l’Ungheria e l’UK.
Segnaliamo in Dominion (base) il 12° posto di Marco De Simone e il 24° di Francesco Salerno; in Quarto il 7° di Fabio Buccoliero e il 23° di Dario De Toffoli; nel Backgammon (1 punto) il 7° (che significa uscito ai quarti di finale) di Francesco Fiordoliva e il 17° (ottavi di f.) di Gabriele Soranzo, Francesco Ventola, Alessia Mercuri e il sottoscritto; infine nel King of the hill oltre il primo e terzo posto come già scritto di Grasso e Trasciatti, il 9° posto di Danilo Serio e il 13° di chi vi scrive.

Questa invece la mia caotica cronaca personale:
Come vi avevo preannunciato non ho voluto rinunciare a priori a nulla, quindi alle 20.30 ho cominciato il primo turno di Quarto pronto ad iniziare il primo match (32mi di finale) ad eliminazione diretta di Backgammon ad 1 punto, sfruttando il fatto che nel Back stavolta non vi era tempo. Vinco a Quarto abbastanza bene e a Back il mio avversario non si presenta quindi vinco a forfait. Pacchia. Inizio il secondo turno di Quarto ma poco dopo inizio i 16mi di finale a Back. E cominciano i guai. Dopo una partita combattuta a Quarto avrò fatto un errore (in diretta non l’ho capito) e perdo, mentre a Back il match si dilunga (anche lui giocava in contemporanea a Quarto) ma sono in vantaggio. Inizia il terzo turno di Quarto e proprio mentre vinco a Back commetto un grossolano errore a Quarto e perdo nuovamente. A Back intanto inizio gli ottavi di finale contro Francesco Fiordoliva e mi faccio prendere un po’ dall’incontro senza accorgermi che il quarto turno di Quarto era iniziato. La piattaforma BGA dove si gioca se non ti presenti in tempo butta fuori dal torneo e così purtroppo è stato, quindi le altre 7 partite le perdo senza giocarle 😡 Intanto sto per perdere l’incontro a Back, distratto dalla situazione del quarto e non mi accorgo che il torneo di scacchi è cominciato da 16 minuti. Fortunatamente era Arena e ci si poteva entrare quando si voleva, col risultato di perdere le prime due e finire di perdere a Back. Mi concentro allora solo sugli scacchi e finalmente ingrano, anche bene, tanto che risalgo e finisco a 42 punti al 13° posto su 37.
Insomma non mi lamento.
Nel Pentamind assoluto ha preso intanto la testa il polacco Maciej Brzeski con 438.51, seguito da Andres Kuusk 419.66 (che ha vinto a Quarto) terzo James Heppell 409.34, poi a nulla Ankush Khandelwal 409.05 e dietro tutti gli altri.
Continuo ad essere il migliore degli italiani al 26° posto con 270,20 con Francesco Salerno 35°, Fabio Buccoliero 38°, Dario De Toffoli 43° (eccolo!) e poi Francesco Fiordoliva, Pietro Rossi, Marco De Simone, Alessia Mercuri, ecc.
Nel Senior conduce ancora lo spagnolo Juan Francisco García de la Banda con 327.84, davanti a chi vi scrive, terzo Dario De Toffoli, quarto Piero Zama.
Insomma è passato un altro anno ma siamo sempre lì 😊
Alla prossima
bye bye

Day 3 e 4 (18 agosto)

Primi 2 Oro per l’Italia!
E un altro Argento e 2 Bronzo!
Francesco Fiordoliva e Andrea Muzii sono stati i nostri ‘eroi’ di questo avvio di Olimpiadi nel metallo più pregiato, Pietro Rossi è il Silver di giornata, mentre Piero Zama e Francesco Salerno le medaglie di Bronzo.
Francesco Fiordoliva in realtà ha vinto il primo giorno al torneo di poker Hold’em turbo finalmente ufficializzato, Andrea Muzii invece è stato vittorioso dopo due durissime giornate di gara nel Campionato di Memory di cui è indiscusso Campione mondiale in carica.
Pietro Rossi e Piero Zama sono giunti secondi e terzi al poker Omaha turbo, mentre Francesco Salerno è arrivato terzo al torneo di Hive (base).
Beh che dire, l’avvio è scoppiettante per gli azzurri (vedete la tabella delle medaglie) anche se bisogna precisare che il nostro Asso ce lo siamo già giocati con Andrea Muzii che è assolutamente fantastico.
Le gare di memoria come alcuni di voi certamente sapranno sono il frutto non solo di una dote naturale alla Pico della Mirandola (che sembrerebbe essere addirittura smentita…), ma di uno studio approfondito di tecniche precise e forse anche personalizzate, accoppiate a una straordinaria capacità di concentrazione e ad una splendida velocità mentale. Insomma un Campione di tal misura è un mix di doti naturali con duro allenamento e studio. Il giovane studente di medicina romano ha a mio avviso un’intelligenza che per ora ha dedicato a primeggiare in tale stupefacente disciplina, ma sono certo che se vorrà potrà applicarla ad altre con risultati sorprendenti 👍 Qui il video della sua finale: https://www.twitch.tv/videos/1118869231
Ma torniamo alla cronaca di questi ultimi 2 giorni.
A Res Arcana segnaliamo l’11° posto di Piero Modolo, a Takenoko il 7° di Fabio Bucculiero e il 16° di Stefano Teatini, ad Hive insieme al Bronzo di Francesco Salerno (che era anche giunto 2°-4°, ma per tie-break senza medaglia a LoA) è arrivato ex aequo senza medaglia l’italiano di Singapore Maurizio De Leo. Inoltre al poker Omaha dopo le medaglie di Rossi e Zama, 13° si è piazzato Manfredi Barbaro così come nel poker Five card draw 13° è giunto Dario De Toffoli.
Infine una menzione merita Piero Mazzilli che nel duro torneo di Scacchi (3’+2″) Arena (3 ore!), ha lottato per il Bronzo con Maestri Internazionali fino a 10′ dalla fine chiudendo poi al 7° posto, mentre ottimo anche Gaetano Grasso 8°.
Chi vi scrive ha fatto in questi ultimi due giorni di gara (il 16 c’era l’unico giorno di riposo delle olimpiadi) i due poker in programma (Omaha e Five card draw), ma senza fortuna, anzi proprio il contrario visto che sono uscito molto presto e il torneo classico di Scacchi 3′ ciascuno + 2″ a mossa come ho scritto sopra con formula Arena per 3 ore di seguito. Una faticaccia davvero pesante.
Per i non addetti spiego cos’è la formula Arena: si tratta di giocare per 3 ore di seguito senza sosta facendo partite una dopo l’altra con avversari di punteggio simile e con la possibilità addirittura di fare Bersek, ossia di dimezzarsi il tempo di riflessione raddoppiando il punteggio in caso di patta o vittoria. Alla fine mi sono anche difeso giungendo 19° su 50 e realizzando 43 punti, ma vi assicuro che ero davvero esausto. Non è una formula per vecchietti 😞
Intanto nel Pentamind assoluto già tutti i soliti big hanno occupato le prime posizioni.
Al primo posto troviamo l’inglese James Heppell con 404,12 punti e già 5 tornei conteggiati davanti al connazionale e Campione in carica Ankush Khandelwal con 346,13 anche lui con 5 tornei, mentre al terzo posto il polacco Maciej Brzeski con 346,09 ma con 4 tornei.
Al quarto la sorpresa spagnola José Luis Segura Ariza 316,38 davanti l’estone Andres Kuusk 298,80 e il ciprota Jordy Alexander 295,20, tutti con 4 tornei.
Primo degli italiani chi vi scrive al 29° posto con 194,34 punti su 4 tornei, seguito nella Top 100 da Francesco Salerno 37° ma con solo 2 tornei, Pietro Rossi 45° 158,71 con 3 tornei, 50° Gaetano grasso, 54° Fabio Buccoliero, 67° Stefano Teatini, 69° Marco De Simone, 73° Francesco Fiordoliva, 77° Andrea Muzii, 83° Piero Zama, 94° Mirko Trasciatti.
La vera sorpresa è al momento l’assenza certamente momentanea del nostro Capitano Dario De Toffoli fra i primi 100, ma appena conteggerano il poker di ieri sera rientrerà prontamente così come appena inizieranno i tornei di Backgammon previsti a partire da oggi. Forza Dario!
Da segnalare che il primo nel Pentamind Senior è già il campione in carica, lo spagnolo Juan Francisco Garcia de la Banda, (per gli amici Paco) 20° con 223,74 e 4 tornei, poi il sottoscritto e quindi Piero Zama; insomma i soliti.
Stasera previsti i tornei di Dominion (base), Backgammon (1pt), Quarto e la variante di scacchi King of the hill, dove si vince oltre che per il tradizionale scacco matto anche se si riesce a portare il proprio Re nelle case centrali e4, d4, e5, d5. Io mi sono iscritto a Back, Quarto e Scacchi. Dovrò capire però se riuscirò a conciliare gli orari per giocare perchè la simultanea fra i 3 è pressocchè impossibile.
Alla prossima
bye bye

https://mindsportsolympiad.com/2021-medals-by-country/
https://mindsportsolympiad.com/live-standings-pentamind/

Day 1 e 2 (15 agosto)

Prime medaglie azzurre.
Con un fantastico Marco Trasciatti trascinatore negli Scacchi, arrivano le prime medaglie azzurre: 1 Argento il primo giorno nel Crazyhouse, tra l’altro ex aequo con il primo, e 1 Bronzo il secondo giorno nel Chess960.
Spiego per i non addetti che si tratta di Scacchi paralleli, come li definisco io, ossia vengono utilizzati pezzi e scacchiera allo stesso modo, ma al movimento normale scacchistico vengono aggiunte regole particolari che ne modificano significativamente lo spirito.
Nel Crazyhouse ad esempio, i pezzi che si catturano all’avversario diventano propri e possono essere al proprio turno catapultati sulla scacchiera dove si ritiene più propizio.
Il Chess960 invece è la famosa variante nota anche come Fischer random, dal nome del suo inventore, il geniale Bobby Fischer Campione mondiale del 1972, dove la disposizione dei pezzi iniziali viene sorteggiata ad ogni partita. Sono appunto 960 le diverse possibilità iniziali.
Insomma variazioni sul tema che agli amanti delle elucubrazioni mentali piacciono tanto, ma che a tanti ‘puristi’ del gioco classico fanno storcere il naso. Vabbè.
Ma torniamo alle cronache da Londra… avrei detto fino a un paio di anni fa, ma come è noto la pandemia ha già dall’anno scorso trasferito tutto online.
Con pregi e difetti.
I pregi ovviamente sono che si è ampliata enormente la partecipazione. L’anno scorso oltre 10 mila le partecipazioni al centinaio di tornei organizzati con quasi 6 mila giocatori di 106 Nazioni diverse. Inoltre un tempo dedicato molto più lungo con quest’anno oltre 150 tornei diversi.
Insomma una goduria senza fine per chi ama i giochi dove bisogna usare un po’ più la testa.
I difetti ci sono pure ovviamente.
Giocare dal vivo è tutta un’altra cosa, e solo chi lo ha fatto lo sa bene. Non tutte le piattaforme informatiche dove si gareggia sono eccellenti se non addirittura appena soddisfacenti e gestire tutti questi tornei e numeri elevati di partecipanti risulta molto complesso.
Un plauso per questo agli organizzatori inglesi, davvero bravi.
Infine come difetto, il più antipatico, fortunatamente raro, ma presente, il doping informatico.
Troppi software ormai esistono che giocano molto meglio dell’uomo in tantissimi giochi e se sono molto utili per imparare o allenarsi, diventano davvero deprecabili se utilizzati per aiutarsi in gara. Ripeto sono rari i casi di chi usa questi mezzi per approfittarsi degli altri, e molto spesso ne fanno uso non i Campioni, ma i mediocri non solo di dignità, eppure esistono e a volte rovinano il bello delle partite.
Poi grazie a sistemi di verifica, informatici e non solo, vengono sventati e squalificati, ma resta sempre il dubbio magari che qualcuno sfugga, sebbene gli arbitri siano molto attenti (a volte potendo richiedere di attivare web cam per verificare), e rovini il giocattolo.
Proprio nel Crazyhouse ad esempio hanno squalificato il vincitore (che aveva vinto tutte le partite) per palese uso informatico scorretto, quindi poi tutto a posto, ma ciò ritarda di molto l’ufficialità delle classifiche.
Infatti dopo 11 tornei solo di 5 sono state rese pubbliche le classifiche e per il Pentamind (il trofeo più prestigioso delle Olimpiadi, assegnato a chi ottiene i migliori 5 risultati di specialità diverse) solo 2 le gare conteggiate.
Cosa che mi permette di far vedere la classifica provvisoria, per far godere esclusivamente il mio modestissimo ego 🤣
Restando in tema vi racconto quindi come mi è andata:
Come vi avevo preannunciato, per chi mi avesse letto, mi ero predisposto il primo giorno di gare ad una sorta di salto mortale multiplo ovvero a provare a giocare non due, ma addirittura tre tornei simultaneamente 😱 Cosa ovviamente abbastanza ridicola e inutilmente presuntuosa (Dario, il nostro Capitano: “sei più folle di me”), ma che mi eccitava parecchio, specie perchè mi riportava indietro di 30 anni quando le simultanee scacchistiche le facevo davvero.
E così ho provato.
Ho iniziato alle 20.30 con il Tichu, gioco cinese di nicchia, ritardando l’iscrizione al torneo di poker, l’Hold’em turbo, e apoprofittando che il Crazyhouse iniziava alle 21.
Dopo 10 minuti però son dovuto entrare nel tavolo di Poker e lì sono cominciati un po’ di problemi di tempo. Il turbo è molto veloce, mentre il Tichu ha bisogno di una certa attenzione continua quindi ho sacrificato l’Hold’em limitandomi ad aspettare carte buone per giocare.
Finita la prima delle 5 partite a Tichu che ho vinto abbastanza velocemente, mi sono potuto dedicare al poker facendo un po’ di azione e ho recuperato quanto perso per inerzia, ma poi è cominciato il secondo turno e poco dopo anche gli scacchi del Crazyhouse. Lì è diventato tutto quasi impossibile. Saltellando fra un computer e l’altro non so bene cosa abbia fatto, il Crazy aveva cadenze di 5′ per tutta la partita + 3″ a mossa ciascuno, quindi non era proprio lento, fatto sta che a poker appena mi sono arrivati due 10 per massimizzare il tempo sono andato all in e il terzo 10 non mi è bastato contro le 3 Q che non so bene come si sono materializzate al mio avversario, mentre a Tichu ho continuato a vincere e invece a Crazy le prime due ovviamente le ho perse. Poi breve pausa a Tichu e ne ho vinte 3 a Crazy, è ripreso il gioco cinese e ho perso in entrambi, insomma un tira e molla con alterne fortune che alla fine mi ha visto uscire a poker 180° su 377 giocatori, arrivare terzo ex aequo con altri 3 a Tichu (per spareggio tecnico però niente Bronzo 😞) e infine a Crazyhouse arrivare 17° con il rammarico di essermi distratto nell’ultima con appena 2 Regine in più e aver preso matto.
Insomma molto contento alla fine, non sono ancora da buttare 😊
Ieri infine ho provato il Catan e l’ho lasciato dopo la prima partita persa perchè troppo farraginosa la piattaforma e soprattutto inarrivabili gli avversari che però dialogando in inglese fra loro non mi sono piaciuti, ho fatto una bella esperienza a LoA (Lines of Action) giocando per la prima volta e riuscendo anche a vincere 3 partite su 9, infine di sera ho fatto il Chess960 dove ho concluso 13° con 5 su 9. Niente di che, ma ieri certamente avevo meno adrenalina della sera prima.
A domani
bye bye

Day 0 (12 agosto)

Iniziano domani sera, totalmente online come l’anno scorso e non a Londra, le Olimpiadi degli Sport della mente, giunte quest’anno alla 25^ edizione, e termineranno il 5 settembre.
Si giocherà ininterrottamente ogni giorno, si svolgeranno in totale oltre 150 tornei diversi e oltre 5 mila giocatori di tutto il mondo vi prenderanno parte.
Come alcuni di voi sapranno questo è diventato per me un appuntamento annuale irrinunciabile, e questa sarà l’undicesima mia partecipazione fin dal 2010.
Ho cominciato per curiosità solo con qualche disciplina che conoscevo meglio, ma poi mi son fatto prendere la mano e stavolta sono arrivato ad iscrivermi ‘appena’ a 56 tornei diversi 😊
Ovviamente non li farò tutti (purtroppo) perché spesso contemporanei, ma ho intenzione di sperimentare qualche ‘simultanea’ (sistema certo per rovinarli contemporaneamente 😝). Avrò però la possibilità di scegliere durante il susseguirsi dei giorni su quale disciplina proiettarmi meglio nell’ottica del Pentamind Senior, il reale obiettivo che mi pongo dopo l’Argento dell’anno scorso.
Non certo il Pentamind Assoluto che sarà sicuramente appannaggio di uno fra i soliti ‘mostri sacri’ di ogni anno, outsider permettendo.
La nostra squadra azzurra sarà come al solito guidata dal Capitano Dario De Toffoli e dovrebbe essere stavolta molto nutrita e agguerrita.
Insomma si prevedono un bel po’ di medaglie (🤞), anche se la concorrenza online è davvero spietata, e se personalmente mi sembra davvero difficile riuscire a beccare qualche podio.
Se non fra i ‘vecchietti’ appunto 😊.
Qui sotto metto il calendario completo dei tornei, ma giornalmente vi farò una cronaca più o meno dettagliata (spero) di come sarà andata.
Intanto domani si comincia con 5 gare: Puzzle logici che non so cosa sia, 7Wonder che non faccio per avversari troppo più avanti, il gioco cinese Tichu che ho imparato da poco, ma mi diverte provare, l’Hold’em turbo poker che non si può non tentare e infine una prima variante degli Scacchi il CrazyHouse dove i pezzi che si mangiano all’avversario li puoi rimettere in gioco dove vuoi come tuoi e come singola mossa (molto divertenti).
Il problema è che sono tutti quasi contemporanei e sarà un disastro annunciato 😱, ma la presunzione non ha limiti e quindi ce ne freghiamo 🤣🤣🤣
https://mindsportsolympiad.com/mso-2021/

Riccardo Gueci

COME DIVENTARE (QUASI) CAMPIONE DEL MONDO DI POKER AMATORIALE

di Piero “Nabendu” Zama

Ciao. Sono Piero Zama Nabe, giocologo. Sto partecipando alla venticinquesima edizione delle MSO (Mind Sport Olympiad), le Olimpiadi dei Giochi che si svolgono ogni anno a Londra. All’interno di questa importante manifestazione che raccoglie migliaia di giocatori da tutte le parte del mondo si svolge il Campionato Mondiale di poker amatoriale con ben 12 tornei delle varie discipline (Texas Hold’em e varianti).
Mi è stato chiesto da me stesso di scrivere un breve resoconto del cammino che mi ha portato a vincere il titolo di campione del mondo ed io ho accettato volentieri il mio invito, magari potrà essere utile per chi vuole tentare la scalata nei prossimi anni, mentre io cercherò di ripetere l’impresa.
Cominciamo. Come lo scorso anno, tutti i tornei si sono svolti on line, nella speranza di un ritorno a Londra per l’edizione 2022. Ho già detto che le MSO organizzano 12 tornei di poker che presenterò uno alla volta, ciascun torneo ha una classifica finale e la posizione in cui si arriva determinerà un certo punteggio, per concorrere al titolo mondiale occorre avere partecipato ad almeno 5 tornei, oltre al quale è possibile scartare i risultati peggiori.
La specialità del primo torneo è stata quella classica del Texas Hold’em in versione Turbo, ciascun giocatore riceve 2 carte coperte, giro di puntate per vedere il flop (3 carte scoperte), secondo giro di puntate per scoprire la quarta carta (turn) ed infine terzo giro per vedere la quinta ed ultima carta (river). Vince chi compone il punto maggiore con 5 carte utilizzandone 7.
Venerdì 13 agosto inizia il torneo con 377 iscritti. Dopo un’ora di gioco ne rimangono circa 200. Io mi posizione sempre a metà classifica, quasi sempre butto via le carte, anche 2 carte dello stesso colore (suited) che sono la mia passione (che però riesco a controllare) e così passa una seconda ora di gioco. Siamo rimasti in 34, ho 20.000 fiches ed occupo la dodicesima posizione, in mano ho AQ, faccio un piccolo rilancio e mi viene a vedere un giocatore che possiede poco più delle mie fiches, il flop è Q58, fantastico per me visto che possiedo la coppia più alta ed inoltre ho l’Asso … nella manica. Ho due possibilità: accontentarmi di vincere la mano senza puntare forte (in questo caso avrei rimandato la mia successiva eliminazione, oppure preparare l’all-in per incassare più gettoni. Sono così certo della vittoria che decido di puntare tutto e così lui scopre le sue carte e rivela 58 (ma come si fa a vedere il flop con 5 e 8?). Il turn ed il river non cambiano la situazione e così vengo eliminato e collocato al 34mo posto con il punteggio di 84,16 (chi troppo vuole nulla stringe). Col senno di poi avrei potuto fare molto meglio.
Il secondo torneo si svolge domenica 15 agosto con la specialità Omaha Turbo, anche questa molto popolare, 236 iscritti. Le regole sono più complicate del Texas, ogni giocatore riceve 4 carte coperte, primo giro di puntate, poi scoperta del flop (3 carte), secondo giro e scoperta del turn, terzo giro e scoperta del river, vince il giocatore che riesce a proporre la mano migliore utilizzando 3 carte fra quelle scoperte (comune a tutti) e 2 carte fra quelle che si hanno in mano. Secondo me la complicazione di questa variante è che devi sempre ricordare che devi utilizzare solo 2 delle 4 carte coperte che hai in mano (per esempio se nella tua mano hai 3 Assi ne puoi usare solo 2). La mia tecnica conservativa è quella di buttare via le carte sempre a meno che non abbia una coppia di K, il tempo passa e i giocatori eliminati diventano sempre più e dopo circa due ore mi ritrovo al tavolo finale, poi rimaniamo in 4 e nessuno vuole la medaglia di legno, però qualcuno se l’è beccata e non sono stato io. Ottimo, medaglia di bronzo, punti 97,06 per un totale di 181,22 che mi colloca dopo due specialità al primo posto assoluto.
Ma il campionato continua, siamo a martedì 17 agosto, specialità Five Card Turbo, quello che tutti noi giocavamo tanti anni fa, insomma, il poker di una volta, con 5 carte coperte, primo giro di puntate, poi eventuale cambio di carte (da 0 a 5) per rimanere prima della puntata finale con 5 carte coperte, ultimo giro di puntate e vince chi ha il punto più forte. 216 iscritti ed anche qui buttare via le carte, buttare via le carte. Continuo a vincere ogni tanto piccoli colpi, rimangono vivi ancora circa 100 giocatori quando mi arriva una mano che non posso assolutamente rifiutare, la classica mano vincente che non puoi perdere: addirittura una scala servita al 7 (34567). Accantono li mio conservatorismo e mi butto in un all-in senza pensiero, ma chi mi vede è stato molto più fortunato di me mostrando anche lui una scala servita, però la sua era al 9 (56789). Io non sono un matematico, ma credo che realizzare una scala con le prime 5 carte possa succedere una volta ogni mille mani. Se poi aggiungiamo che nella stessa mano anche un secondo giocatore riesce nella impresa, parliamo di una volta su 10000? Comunque nessun rimpianto, non potevo fare altro che andare all-in e se lo avessi vinto (come ero certo) avrei aumentato le possibilità di arrivare al tavolo finale. Invece mi devo accontentare della 116ma posizione per un punteggio di 43,71 per un totale di 224,93, quarto posto nella classifica generale dopo 3 prove.
E arriva la quarta prova, venerdì 20 agosto, specialità Seven Card Stud, una delle mie preferite (l’altra la scoprirete più avanti). Ciascun giocatore riceve 2 carte coperte ed una scoperta. il giocatore che mostra la carta più bassa è obbligato a puntare (gli altri possono lasciare, vedere o rilanciare). Dopo il primo giro ciascun giocatore in gioco riceve una seconda carta scoperta, nuovo giro di puntate, poi una terza carta scoperta ed ancora una quarta carta scoperta. a questo punto chi è rimasto in gioco (con le prime 2 carte coperte e le altre 4 carte scoperte) riceve una ultima carta coperta e vince chi mostra la mano migliore sulle 7 proprie carte. Va aggiunto, al contrario delle specialità precedenti, che nel Seven Card c’è un limite di rilancio che non può superare le fiches in gioco sul tavolo (pot limit). Questo permette una maggiore dilazione della eliminazione. Infatti partiamo in 193 e dopo 2 ore di gioco siamo ancora in una quarantina. Fino ad ora ho avuto momenti fortunati e meno fortunati, generalmente non mi lamento ma questa volta ho incontrato una mano che devo descrivervi: le mie 2 carte coperte sono AQ e la mia carta scoperta è ancora un Asso, quindi io ho già, all’insaputa dei miei avversari, una coppia di Assi (generalmente questa è sufficiente da sola a vincere la mano), il mio avversario ha un 10 e viene a vedere la mia puntata. Ben contento come quarta carta mi arriva un 7, a lui un A, continuo a puntare, ben conscio della mia forza e lui va in all-in. Scopriamo le carte, lui ha solo un Asso mentre io ne ho la coppia, poi arrivano le altre carte e a lui arriva un secondo Asso; nessun problema, abbiamo entrambi una coppia d’Assi ma io ho la Q più alta del suo 10. Mi sto rallegrando per la vincita quando gli arriva come ultima carta un K, più alto della mia Q. così appare un messaggio di Poker Star che mi ringrazia di avere giocato (evito di commentare questo messaggio) e mi dice che la mia posizione è la 38ma generando il punteggio di 76,27 per un totale di 301,21, a questo punto dopo 4 tornei sono risalito al terzo posto assoluto, prima di me c’è l’estone Indrek Turu con 302,45 e il greco Spyridon con 327,00 (oppure la estone e/o la greca … boh).
E’ domenica 22 agosto, in programma il torneo Omaha (la stessa del secondo torneo), testa a testa per uno scontro diretto uno contro l’altro, in un susseguirsi di incontri, una specie di “sfilata” di tutti i giocatori che cambiavano sul tavolo in maniera frenetica e quasi asfissiante, dato che ogni volta che un giocatore folda (lascia la mano) subito ne appariva un altro per una mano secca e così via. Prima di iniziare controllo se fra gli iscritti ci sono i miei diretti avversari e noto (con piacere mal celato) che nessuno dei primi 10 partecipa a questo torneo, tranne l’estone Kono (che si classificherà 51mo). Parto abbastanza bene vincendo diverse mani e costruendo un interessante tesoretto. Poi l’errore, troppo grave, nelle mie 4 carte coperte ho una coppia di K, non ci sono Assi in giro e quando ci viene mostrata l’ultima carta scoperta in comune sprizzo di felicità in quanto arriva un altro K. Preso dalla foga di chi sa di vincere mi gioco tutto (per fortuna avevo più fiches dell’avversario) senza accorgermi che avrei potevo trovarmi di fronte ad un colore … e così è andata. Sono retrocesso all’ultima posizione, sono riuscito a resistere per una decina di mani ma poi ho dovuto alzare bandiera bianca di fronte ad un tris di 2. Posizione finale 16mo su 133, con punti 85,66 per un totale di 386,86 che mi permettono di riprendere il primo posto provvisorio della classifica finale. Adesso dispongo di 5 punteggi validi quindi non posso più aggiungerne però posso migliorare, specialmente quel 43,71 del Five Card con lo scontro delle due scale servite.
Ma non c’è tempo per crogiolarsi, il giorno dopo, lunedì 23 agosto, è in programma il sesto torneo, va di scena il Showtime Hold’em Poker, mai giocato in precedenza. La specialità è la stessa del primo torneo con la differenza che tutte le carte che vengono scartate rimangono visibili a tutti fino alla fine della mano e questo vantaggio fornisce ai giocatori molte informazioni in più. Si crea però una piccola confusione fra chi ha foldato e chi è ancora in gioco, inoltre è tutto così veloce che ha volte non si riesce a capire chi ha vinto e con che cosa ha vinto, ma tant’è, così è. I giocatori iscritti sono 244, per migliorare il mio punteggio e scartare il 43,71 di cui sopra devo classificarmi entro i 100. Ma questa si dimostra essere una giornata no ed il no, riferito alla poca fortuna, si adegua anche alla parola noioso. Ho giocato sempre passivo e di rimessa anche perché per i primi 30 minuti non ho mai (e sottolineo mai) carte figurate, ad eccezione di un paio di J ed una Q insieme a scartini. Praticamente non ho mai giocato una mano anche perché quando ero di buio, sia grande che piccolo, ho sempre trovato un giocatore che rilanciava ed io ovviamente non andavo a vedere. Non mi lamento anche perché in questo torneo ho avuto diversi colpi di fortuna, ma un livello così piatto non mi è mai capitato. Mi sono classificato al 108mo posto senza mai riuscire giocare attivamente. L’unica consolazione che posso inventarmi è quella che in tutti questi primi 6 tornei che ho disputato non sono mai stato fra i primi 100 eliminati. Il punteggio di questo torneo è stato 52,34 per cui guadagno punti 8,63 per un totale di 395,49. Al momento sono quarto in classifica generale, ora sono io a dovere inseguire gli altri ma rimangono ancora 6 tornei
Il settimo torneo si svolge martedì 24 agosto, specialità Six Plus Hold’em, la seconda mia preferita anche perché lo scorso anno ho vinto la medaglia di bronzo per cui inizio a giocare con molta fiducia, ma trovo l’inaspettabile. Perdo un paio di colpi molto sfortunati e da 3000 fiches passo a 1800, cambio anche di tavolo e qui incontro un giocatore dal nick artmar69 che ha già 25000 fiches. Entro nel tavolo mentre lui è andato in all-in e tutti gli altri hanno foldato. Seconda mano idem, e così via via per 10 altri all-in, capisco quindi che se butto via tutte le volte le carte sono destinato a perdere, quindi aspetto (mentre lui continua la sua strategia) una buona mano ed arriva A10, lui continua a puntare tutto (magari senza vedere le carte). Io vado a vedere e lui mostra Q6, cioè nulla, peccato però che al turn spunti una Q. i giocatori iscritti erano 199, io esco come 184mo e purtroppo esco dai primi 5, collocandomi all’ottavo posto nella classifica generale, e la colpa è di questo personaggio che a mio avviso ha alterato il gioco, penso che ci debba essere un codice etico perché chi sceglie di fare quello che lui ha fatto non ha alcun guadagno perché è destinato sicuramente alla sconfitta (infatti dopo 10 minuti era fuori anche lui). Ma basta pensieri negativi, mi rimangono 5 tornei per risalire la china, il problema che ben 4 di questi 5 non li ho mai giocati, staremo a vedere …
Venerdì 27 agosto torneo di Omaha Hi-Lo, lo stesso del secondo torneo con l’aggiunta che si possono vincere delle mani anche con punti molto bassi in quanto viene premiato chi ha la mano migliore ma viene premiato anche chi ha la mano minore. Infatti Hi starebbe per Higt, Alti e LO per Low, Bassi. È una variante abbastanza diffusa dell’Omaha, i partecipanti sono 205. Inizio male perché al mio tavolo trovo un altro Fenomeno, un tal Xaus2me, che emula l’altro Fenomeno del torneo precedente e che per le prime 4 mani va in all-in, probabilmente senza guardare le carte. Non ci sarà una pandemia di Fenomeni? Io comunque ho il green pass così non reagisco e fortunatamente il tipo viene giustamente eliminato. Faccio qualche colpo, giusto per rimanere a galla, senza mai rischiare. Sopravvivo alla prima sosta ed anche alla seconda ma non alla terza. Sono abbastanza soddisfatto perché riesco a classificarmi al 33mo posto, conquistando 79,43 punti. A questo punto siamo arrivati a 2/3 del campionato di poker, ho giocato per 8 tornei e ne rimangono ancora 4; decido di pubblicare, per questo resoconto, la classifica dei primi 10 con i relativi 5 migliori punteggi:

Inizia oggi, domenica 29 agosto, l’ultimo terzo di campionato con il nono torneo Hold’em Headsup Poker, praticamente la stessa struttura del torneo del 22 agosto quindi testa a testa con il regolamento Hold’em questa volta. Il 22 mi è andata abbastanza bene con il sedicesimo posto e punteggio 85,66, se dovessi replicare la posizione recupererei 9 punti che mi riporterebbero al secondo/terzo posto. Gli iscritti a questo torneo sono 293 ed uno di loro batte il mio tris trovando nel river un 8 che gli permette di chiudere una scala all’incastro. Ovviamente non commento e, come si dice, addio, sogni di gloria!
Cronaca del decimo torneo, domenica 30 agosto: il Badugi. Viene dall’Asia ed è considerato una variante del poker anche se a mio avviso non ha molto da condividere, se non l’utilizzo delle stesse ed il possibile bluff dandosi servito (proprietà del Five Card). Si parte con 4 carte coperte per ciascun giocatore ed un primo giro di puntate. Scopo del gioco è quello di avere in mano alla fine 4 carte (una per ciascun seme diverso) ed ognuna con un valora diverso che più basso è e più porta valore alla mano. La combinazione migliore è 432A, naturalmente di semi diversi. Per fare questo si possono cambiare da 0 a 4 carte; si possono cambiare 4 volte e prima di cambiarle c’è sempre un turno di scommesse. Ho provato a giocare domenica pomeriggio, perso quasi subito e mi sono fatta l’idea che la fortuna in questo gioco sia basilare, ma forse è solo una mia impressione da neofita. E si è fatta sera, i partecipanti sono 159, molto meno degli altri tornei più conosciuti. Parto benissimo, faccio in Badugi all’8 e vinco un all-in, diventando cheap leader. Da allora solo scontri persi e carte pessime fino ad avere servito 843A che è un punto straordinario (meglio di AA in Hold’em), mi accorgo che alla mia sinistra c’è un altro giocatore che ha dichiarato il servito. Quindi puntiamo, soprattutto io che così mi convinco di avere la mano vincente; dopo 4 serviti arrivo a giocare tutto e lui ci pensa ricorrendo al tempo supplementare ed io sono sempre più felice, poi alla fine vede e mostra 5431 e cioè la seconda migliore mano fra tutte quelle possibili. Buona notte.
Mercoledì primo settembre, penultimo torneo, specialità Horse, non è una variante del poker ma un contenitore di 5 discipline pokeriste che formano in inglese l’acronimo Horse: H è un giro di Hold’em, O un giro di Omaha HI-LO, R un giro di Razz (gioco di pura fortuna, ricevi 7 carte di cui 5 scoperte e devi formare il punto più basso possibile), S un giro di Seven Card ed infine E un giro di Eight or better HI-LO (sempre 5 scoperte e 2 coperte). Primo torneo assoluto per me (e forse anche l’ultimo, se non cambiano delle cose). L’idea di giocare più specialità in un unico torneo è molto interessante, però contesto la scelta in quanto 3 su 5 hanno pressappoco le stesse dinamiche; magari si poteva togliere l’ultimo elemento, praticamente similare a Seven Card, magari sostituendolo con il Five Card, ma qualcuno ha scelto diversamente. Ho vinto qualche piatto, specialmente in modalità Hold’em, ma negli altri mi sono perso ed a volte non capivo quale poker stessimo giocando. 82mo classificato su 199 giocatori, quindi nessun miglioramento di classifica e tutti i miei sogni si spostano a sabato sera, dove è in programma l’ultimo torneo.
E siamo arrivati a sabato 4 settembre, la specialità è il classico Texas Hold’em però il limite massimo di giocatori al tavolo è 6, al contrario della versione normale che arriva a 9, quindi meno avversari ad ogni mano. Anche questa è una versione che non avevo mai giocato, ma c’è sempre la prima volta. 306 partecipanti, 3000 chips iniziali. Ed io inizio bene con un tris di 2 (avevo la coppia ed il terzo 2 è uscito nel flop) che si scontra con una doppia copia ai K che perde in all-in, portandomi a quota 6000. Qui ho vivacchiato per circa un’ora rimanendo fra 6000 e 7000, senza prendere alcun tipo di rischio e giocando solo le mani più forti, a volte con piccoli bluff per vincere i bui. Insomma, ero abbastanza sicuro di rimanere in gioco per molto tempo, quando mi è successa una cosa che mi vergogno a raccontare. Qui non c’entra né la sfortuna né la fortuna, ma solo la “pazzia”. In mano ho un K e nel flop esce il secondo, un giocatore punta 100 ed io d’istinto vado a vedere. Si scoprono subito tutte le carte insieme, così capisco che in realtà io non sono andato a vedere un rilancio di 100 ma quel giocatore (che in mano aveva AA) aveva puntato all-in (11600). Dopo avere fatto uscire tutti gli improperi dello scibile umano è apparso il solito messaggio: “grazie per avere giocato ti sei classificato al 93mo posto”. Quando si comincia ad invecchiarsi si diventa anche un po’ più rincoglioniti. E’ vero. Ma adesso basta piangersi addosso, pubblico la classifica dei primi 15 (io mi sono classificato appunto quindicesimo) e vi do appuntamento alle MSO 2022, questa volta saranno in presenza e questo mi faciliterà a riconoscere quando uno dei miei avversari va in all-in.

FORMULA PENTAMIND

Ecco le formule per calcolarvi da soli i punti Pentamind guadagnati nei vari tornei, baste copiarle in un foglio Excel. Le ha preparate Francesco Ventola.

Nella casella A1 mettete il numero di giocatori e nella A2 la vostra posizione; poi in una casella qualsiasi copiate la formula.
In caso di ex aequo (indipendentemente dalle medaglie) dovete indicare la posizione media (es.: 3°/5° posto, siete 4°; 3°/6°, siete 4,5°).
Se c’è il coefficiente di diluizione, dovete anche moltiplicare per 0,95.

Fino a 100 giocatori:
=100*((A1+5)/(A1+6))*((A1-A2)/(A1-1))
o
=100*((A1+5)/(A1+6))*((A1-A2)/(A1-1))*0,95

Oltre 100 giocatori, posizione da 1° a 10°:
=100*(105/(99*106))*(100-A2)
o
=100*(105/(99*106))*(100-A2)*0,95

Oltre 100 giocatori, posizione da 11° in poi:
=100*((105*90)/(99*106))*((A1-A2)/(A1-10))
o
=100*((105*90)/(99*106))*((A1-A2)/(A1-10))*0,95

CREATIVE THINKING

Ecco l’interessante testo originale che ci è stato proposto.

Greetings to you all!

Those who have competed in this even before know what to expect. For new contestants, here’s a brief introduction:

There will be four rounds to the competition to stimulate your creativity and you are encouraged to come up with as many and as diverse ideas as occur to you. We should remind you, however, that originality (i.e. coming up with ideas that other contestants do not think of) will be rewarded more than mere quantity of responses.

There is essentially no time limit – the competition will be open for 24 hours until 7.30pm London Time tomorrow – but you are encouraged to spend no more than 30 minutes on each of the four rounds. Responses should be kept to 500 words at most in each round and at most one image may be included.

Answers should be sent to both mindsportsolympiad@gmail.com and william.hartston@ntlworld.com and and will be marked as quickly as possible after the event is over. Scores and a report will then be posted.

For each round, a score of 25 points will be awarded to the entry considered to be most creative; the other entries will then be marked accordingly. Scores and a report will be posted as soon as possible after the event has finished.

So here goes with the questions:

Round One: Covid Redeployment
This is an urgent problem facing us all: during the recent pandemic, we have all gathered or created items to help us cope such as face masks, two-metre long measuring devices etc. As the danger from Covid recedes, we will be left with a plethora of such items no longer needed for their original primary use. You are invited to come up with ideas for making use of any such Covid-related items or modifying them to remain valid for other purposes.

Reminder: quality and originality of responses is rewarded more highly than quantity.

Round Two: Knife Redesign
The Swiss Army Knife, originally comprising four blades, a corkscrew and a can-opener, has been around since the 1890s so is surely due for a redesign. You are invited to submit ideas for a replacement suitable for the Swiss Army of today or any other group that would benefit from a similar all-in-one, multi-blade or multi-tool device.

Round Three: Licence to Rethink
Archaeologists a thousand years from now have lost all knowledge of 21st century civilisation other than a scrap of paper believed to be the start of a list from some sort of media catalogue of the time. Its language is English, which they understand, and the words they can make out read as follows:

1. Dr No
2. From Russia With Love
3. Goldfinger
4. Thunderball
5. You Only Live Twice.

What do they deduce about our civilisation from this?

Round Four: Alien Revolution
Benevolent aliens from a distant galaxy visit Earth after monitoring the planet for many years and explain that they have decided that the place is a mess. They explain their five-year plan to solve all our problems, which the Earth inhabitants will have to adopt or they will decide we are a waste of space and destroy our planet.

You are asked to outline the plan the aliens have in mind, with examples of how it will solve the Earth’s problems.

Elaborati di Dario De Toffoli:

Round One: Covid Redeployment
The Mask-Bra
After the Covid pandemic, there will be an enormous amount of face masks without purpose. A small percentage of them could be redeployed during the flu season or in particularly polluted environments. But what to do with all the others?
The new Mask-Bra is the solution. The world’s sexiest bra will also be the world’s best-fitting bra – it will be enough to adjust the length of the elastic bands to flatter every body type. The choice does not end here. For a provocative mood, FP2 masks will be a tool of seduction and a trigger of passion, and for a more sober look, the surgical masks will do just fine. The monochromatic Mask-Bra will be preferable for a traditional look, while two different colors will be a bit zany. In short, there will be a profusion of options for all tastes. Women of the world: what are you waiting for?

Round Two: Knife Redesign
Better a spoon
The Swiss Army pen-knife needs urgent redesign, it needs to be remodeled into a tool which purports sustainability and a concern for the environment.
The first redesign should be its name. The alternate Swiss Army knife should be called a Holistic Peace Spoon. We “don’t need no nationalities no more”, but a planetary holistic vision and this tool can help people understanding such an issue. The novel popular adages should become: “We are all on the same boat”, “no-one should be left behind”, “anybody is safe anywhere only if everybody is safe everywhere”. No more metaphors having to do with war, like army.
Finally, the concept of a knife which cuts, separates, leaves a permanent scar, should be dropped. We need a different piece of cutlery! The least violent sounding such, is a spoon. A spoon can collect and is the perfect metaphor for a caring citizen, who spoon-feeds our ailing planet.
Blades, can openers, corkscrews all have dramatically to do with non recyclable packagings. None of these can be morally acceptable any longer. No packagings in the future.
A spoon should be, obviously, one of the items in the Holistic Peace Spoon (HPS). But one needs also a larger container. There are telescopic glasses in hiking equipment. This item should be there.
As in the case of the first round, an all-purpose touch-less key for reducing the necessity of disposable plastic gloves, or other sanityzers, should be another item. We are living in a time of contagion after all!
Of course the Holistic Peace Spoon should come with some intelligence. For this to work, one side of the HPS should be a solar battery, for providing the necessary power to the device. The device should provide measurement tools for the basic air and water quality indicators, such as concentration of micro particles, temperature, humidity, metal pollutants etc.
Th device should have a memory pen drive. Storing means preserving, at least a digital copy of what is there, and otherwise could be lost forever. It would be nice to have all that the latest smart-phone provides, i.e. cameras, phone, all sorts of potential connectivities, like Bluetooth. But wait a moment! What about the carbon footprint? Its huge! Both when manufacturing the tool, and in the necessary power for it to work. I would go just for a carbon footprint calculator, just to remind us what our main goal for the future should be.
Finally, on the more mechanical side, I would put a soft net. Of course not for squashing insects, or for catching them, but for helping them out of the window when they get trapped!
Joint Communiqué by the World Ministries for Sustainable Development

Round Three: Licence to Rethink
The Flemington List
The discovery of the so-called “Flemington List”, found in recent excavations in the ancient town of Flemington in old New Jersey, caused a stir in the academic world. After protracted disagreements among world-renewed archaeologists, a single hypothesis is now almost universally accepted. The Flemington List is an inventory of the divinities of the time.
Presumably, Dr No is the head of the gods. She functions as supreme judge and notary. Additional evidence supporting this hypothesis comes in the form of images representing this goddess found in the rudimentary audiovisual devices of the time.
From Russia with Love is undoubtedly the god of love and fertility. The meaning of the word Russia is not understood. Generally, it is assumed that it is the proper name of the god and that the rest of the sentence is some sort of honorary title.
Goldfinger is a figure with a contrasted and still uncertain meaning. On the one hand, he seems to be the god of wealth, given that gold was often a symbol of wealth in ancient civilizations. However, many archaeologists argue that this god could also symbolize greed. The evidence comes from a two-millennia old legend in which he arguably appears. The tale is about a king able to transform everything he touched into gold. But he could not hold on to his power: he had to give it up to avoid starvation.
Thunderball is a classic figure of many ancient Pantheons. Goddess of thunder and atmospheric events, she seems to have been surrounded by two groups of servants: the hurricanes (such as Sandy, Irma, Katrina, and Camille) and the typhoons (such as Andrew and Okeechobee).
You only live twice seems to be the phrase with which the faithful turned to the god of the underworld and resurrection. For obvious reasons, it was not possible to call this god by name. Probably, in the 21st century, the belief in reincarnation was widespread. In older cultures, it was common to believe in infinite cycles of reincarnation. However, in the more advanced civilization of the 21st century, it is more likely that people believed in just one reincarnation, a second chance offered to all.

Round Four: Alien Revolution
Revolution… upside-down
Dear members of this council, the question today is: “How to save these Humans as well as their planet?”
It would be a pity to destroy these creatures, because they are beautiful and clever, however they are also very stupid. They seem not to care to destroy themselves.
There sees to be no way to force them not to fight among each other and not to keep warming up and pollute their planet. They wouldn’t understand, they wouldn’t obey and we would be forced to destroy them and the planet. Really a pity.
The only way out is to make them understand the situation and I think this could be obtained making them use a sort of “babel fish”, a new AI micro-device (here is a model, developed on purpose) to be inserted in thier ears. It will connect with their brain and not only make people instantly understand any language, but also develop empathy between each other.
The more the people will understand each other, the more they well feel involved with each other, the more they will stop fighting and in a few years weapons will become useless and will be destroyed. In the meantime they should understand also the forthcoming climate catastrophe and decide to cooperate to avoid it; we think that in around 5 years they will abolish country borders and collaborate together. At that point they will be ready to receive our advanced technology, which will help them significantly.
Instead of cutting heads, as used to happen in their revolutions, in this alien revolution we will enhance the performance of their barins. We will improve their heads, rather than cutting them!
Qfwfq, dean of the Pel-Dekuk council
btw, we can also learn something from these humans… there are a lot of beautiful board games down there!

Elaborati di Riccardo Gueci:

Round One: Covid Redeployment
Grazie al vaccino rivoluzionario Covidend la Pandemia fu solo un brutto ricordo. Restò però ovviamente il problema di cosa fare con l’enorme materiale accantonato dai vari Paesi, ma anche dai singoli cittadini.
Capitali troppo ingenti erano stati stanziati per non riciclarne il materiale.
Alcuni Paesi grazie alla genialità dei loro ingegneri e chimici riuscirono a riutilizzare le mascherine FFP2 cucendole appositamente in incredibili vele performanti da utilizzare nell’Americans Cup, mentre quelle chirurgiche più banalmente furono usate dalla polizia, legandole tra loro, per marcare la scena del crimine, ma l’Amuchina ebbe il maggiore successo perchè grazie al famoso laboratorio chimico posto in Scozia se ne riuscì a fare dapprima una grappa molto forte, poi addirittura un Whisky particolarmente apprezzato.
Più originali certamente risultarono le idee di riconversione usate dai singoli cittadini. Alle soluzioni più banali adottate dalle signore con le chirurgiche che crearono tendine da bagno, se non addirittura degli abiti, molto scalpore ‘sessista’ suscitò l’iniziativa di alcuni, immediatamente e incredibilmente diffusasi grazie ai Social, il voler far indossare le mascherine FFP2 in casa alle suocere invadenti se non addirittura alle mogli logorroiche fin dall’alba. Le femministe naturalmente insorsero e reagirono volendole far indossare agli uomini con l’alito che puzzava d’alcool o semplicemente cattivo e perfino se russavano. Alcuni imprenditori spregiudicati le introdussero senza ritegno nelle fabbriche per impedire troppe chiacchere fra i loro dipendenti che rallentavano il lavoro. Ovviamente vi furono scioperi ad oltranza e sembra che tale barbara esperienza sia stata interrotta, anche se continua a girare voce che in alcuni luoghi sia ancora praticata. Atteggiamenti questi che divisero i Paesi dove si applicarono, ma che presero maggiormente piede in alcune religioni o sette specifiche. Famosa divenne presto quella dei “Mascheriani” che idolatravano il Covid come Gesù sceso sulla Terra per spazzare tutti mali che l’uomo aveva creato e che continuavano a sostenere di usarla sempre per far parte del mondo dei prescelti. Molto originali furono anche gli usi fatti dai divisori in plexigas, utilizzati spesso per dividere gli appartamenti di coniugi separati/divorziati in attesa di sentenza che assegni l’uso esclusivo della casa. Furono anche montati per dividere il letto matrimoniale. In altri casi per isolare il coniuge che russava la notte o che fosse affetto da aerofagia ricorrente. Spiacevole l’uso nei confronti di alcuni nonni.
infine in Italia dove erano stati acquistati insensatamente nelle scuole banchi con rotelle, questi stessi furono usati come gare fra studenti. Successo incredibile di tale iniziativa, tanto che vi furono tornei, campionati e addirittura richiesta di farne disciplina olimpica. Mentre scriviamo siamo in attesa che il CIO si pronunci in tal senso.

Round Two: Knife Redesign
Il nuovo coltellino svizzero è un dispositivo all inclusive capace di rispondere finalmente alle esigenze della componente femminile, ormai imprescindibile, nelle compagini dell’esercito svizzero e non solo, ma – attenzione – in grado di diventare all’occorrenza un prezioso devise anche per tutte le altre donne impegnate nelle imprese, altrettanto avventurose e bellicose, della routine familiare.
Per esigenze di marketing l’estetica del nuovo coltellino richiama quella originaria, è stata però ridisegnata con forme ergonomiche e dimensioni adatte alla maneggevolezza femminile, può essere agganciato alle divise militari, ma allo stesso tempo alle tracolle di borse più glamour o conservato in piccole tasche di vestitini leggeri, senza appesantire o deturpare gli outfit. Gli strumenti standard in esso contenuti sono stati mantenuti, in linea di continuità con le necessità più basiche dei primi utenti e anche e soprattutto nel caso in cui qualche uomo se lo trovasse fra le mani e non fosse in grado di decifrarne l’utilizzo senza riconoscerlo. Si è però arricchito di ulteriori tools: un particolare cacciavite di precisione, ormai necessario per riparare i molti dispositivi elettronici come i droni da guerra (ma anche i giochi robotici dei nerd adolescenti), una graffettatrice per suture, indispensabile in caso di emergenza sui i campi militari (e non di rado sui campi di calcetto), preziosa tanto in caso di attacco nemico, quanto in caso di figli presi di mira da bulletti; un punteruolo con calamita, utile per aprire e chiudere con agilità strumenti tecnologici quali computer di ultimissima generazione, ma anche più banalmente oggetti – altrettanto imprescindibili per la serenità mentale delle donne – quali depilatori elettrici e vibratori; un raggio laser, importante per segnalare anche a diversi metri di distanza un’area di interesse o per identificarsi in caso di emergenza, ma anche (e di non minore urgenza!) per indicare, senza alzarsi dal divano, al proprio marito l’ennesima cosa che cerca e non trova in casa, per l’ennesima volta. E ancora, un piccolo specchietto ingranditore (giusto per dare un senso alle pinzette del coltellino svizzero tradizionale) e un piccolo scompartimento porta-pillole con antidolorifici (una volta al mese, quasi certamente, sarà molto apprezzato questo alleato), energizzati e rilassanti, da utilizzarsi con moderazione prima e/o dopo attacchi armati o – senza moderazione – prima e/o dopo e durante le feste di compleanno con più di 10 bambini invitati.
Il coltellino svizzero ‘femal edition’ è stato inoltre concepito come un potentissimo power bank in grado di caricare contemporaneamente oltre 4 dispositivi elettronici grazie a numerose porte USB, in modo da assicurare anche in condizioni estreme, la sopravvivenza dei nostri mezzi di comunicazione ed elaborazione dati. Il suo successo consiste pertanto nell’essere multitasking, ricettivo, generoso, trasversale e rigenerante, esattamente con il suo target di destinazione. Verrà prossimamente messo in commercio anche per il target maschile, con modifiche essenziali e a quanto pare anche con un optional particolare: l’accesso gratuito a siti porno.

Round Three: Licence to Rethink
London Chanel 20 agosto 3021.
Oggi parliamo di scienza e in particolare di Archelogia che si sa è una disciplina affascinante che si tuffa nel passato alla ricerca della nostre radici.
Specie quando catastrofi senza precedenti come quella avvenuta nel XXI secolo hanno fatto scomparire quasi tutto, facendo perdere tracce reali della civiltà di quel tempo.
La notizia di oggi è che la passione instancabile degli archeologi ha sconvolto il mondo scientifico con l’incredibile scoperta trovata in una località ancora tenuta segreta. Si tratta di un’antico manoscritto, fortunatamente in inglese, appartenente certamente a quel periodo.
Vi riproponiamo la lista che è stata divulgata:
1. Dr. No
2. Dalla Russia con amore
3. Goldfinger
4. Thunderball
5. Vivi solo due volte
Naturalmente tutti gli studiosi sono a lavoro incessantemente per formulare ipotesi plausibili che ricostruiscano il significato, la civiltà di quel tempo, ma soprattutto il grado tecnologico raggiunto.
Sul “Dr. No” molti concordano unanimi che possa essere stato un movimento paragonabile a quello che abbiamo avuto 300 anni fa “No-Vax” di rifiuto insensato dei vaccini. Forse anche in quel tempo si creò un movimento contro i dottori (Dr.NO) ossia contro la scienza. Più controversa “Dalla Russia con amore”. Gli studiosi non sono riusciti ancora a capire cosa significhi Russia. Potrebbe essere il nome di una località del tempo, ma potrebbe essere anche il nome di un locale o di un pub o addirittura di un bordello, visto il riferimento all’amore se non addirittura la marca di un anticoncezionale del tempo. Quest’ultima ipotesi sembra la più accredita al momento.
Indecifrabile invece “Goldfinger”. Alcuni sostengono fosse una divinità del tempo, idolatrata da molti, ma francamente l’ipotesi non ci convince molto sebbene non vada scartata. Illuminante sarà il prossimo convegno sulle divinità del passato, dove ci auguriamo si possa mettere una parola chiarificatrice sull’argomento. “Thunderball” è invece troppo generica come termine. Si intendeva il nome di un potente uragano che iniziò a sconvolgere il pianeta? Di cui peraltro tante prove geologiche lo testimoniano di quel periodo. O potrebbe solo essere il nome di qualcos’altro, il dubbio ancora assale gli archeologi. Ma soprattutto è il “Vivi solo due volte” che sconvolge di più. Come è possibile che già mille anni fa si conoscevano le rivoluzionarie teorie ed esperimenti di Renè Sbattiline che permisero di vivere più volte come facciamo oggi noi? Era così avanzata la loro tecnologia? Sarebbe davvero sorprendente.
Mentre vi comunichiamo tutto ciò, ovviamente in tantissimi ci scrivete formulando le teorie più fantasiose. La più originale e che ci ha fatto molto sorridere desideriamo però farvela conoscere: un appassionato teatrale di cinematografia olografica post quantistica, sostiene che tale lista si potrebbe addirittura mettere in relazione, ma senza spiegarne il nesso, con l’infinita annuale serie trasmessa in tutte le case “Bond, James Bond” del noto agente segreto intergalattico, dove per tradizione orale antichissima è stata tramandata la parola “Goldfinger”, di cui però non è mai stato capito il reale e originario significato. Si è sempre ritenuto fosse il nome dell’autore che ha dato vita alla più antica serie giunta oggi alla 12.727 puntata e che verrà trasmessa in anteprima stasera come ogni settimana su London Channel!
Ma adesso la pubblicità.

Round Four: Alien Revolution
Molto affollata come sempre la conferenza stampa degli ‘amici’ Alieni di Galassia 2715-C.
Che siano reali amici lo abbiamo già avuto ampiamente dimostrato dagli incredibili aiuti sostanziali, impensabili per l’umanità, che in più occasioni hanno ormai del tutto convinto e superato le infinite resistenze di prima stagione e dei soliti complottisti.
Soprattutto per i toni usati, per l’incredibile tecnologia avanzata di cui dispongono e per le soluzioni proposte a problematiche da noi spesso irrisolte.
Sconvolgente però stavolta la comunicazione appena appresa.
Secondo i loro studi di svariati anni ormai è ineluttabile che il nostro modo di vivere sta distruggendo inesorabilmente il pianeta Terra. Cosa per carità a noi già nota da tempo, ma mai avevamo avuto contezza scientifica piena di dati assoluti che così facendo non ci resta molto per sanare la situazione. Pena catastrofi tali che spazzeranno la nostra civiltà lasciando davvero solo pochi sopravvissuti.
Ma come sempre nelle loro analisi, gli Alieni 2715-C, correlano il tutto con delle soluzioni propositive.
Sebbene stavolta assolutamente drastiche e sorprendenti.
Ben tre le possibilità proposte per i prossimi cinque anni che risolverebbero la questione inquinamento, riscaldamento e risorse primarie.
Tutte possibili per mezzo delle loro avanzatissime tecnologie.
Non tutte però secondo i loro super analisti in grado di essere assorbite facilmente dalla popolazione.
Le due scartate sono:
Smettere di mangiare qualsiasi cibo. Naturalmente gli Alieni ci rifornibbero pillole sostitutive di ogni pasto. Cosa che come facilmente immaginabile abbatterebbe la produzione di tutte le energie dedite al filare di ogni cibo. Essendo però di non facile controllo, così come di difficile se non impossibile accettazione, specie per le implicanze lavorative del settore che cesserebbero appunto è stata scartata.
Il trasferimento totale della popolazione negli abissi degli oceani per 5 anni. Grazie a sofisticate mutazioni reversibili gli Alieni farebbero diventare provvisoriamente tutti gli umani in dei pesci/anfibi, pur mantenendo inalterata le sembianze tranne ovviamente delle branche provvisorie. Il pianeta dopo 5 anni di riposo assoluto dello sfruttamento delle risorse riprenderebbe vigore e sarebbe salvo. Anche questa soluzione però troppo traumatica e non accettabile è stata scartata.
Infine la terza, la prescelta, sembra davvero l’unica possibilità rimasta: l’Ibernazione di massa.
Tecniche ormai alla portata del giorno in Galassia 2715-C permettono facilmente di ibernare grandi numeri, appunto miliardi di umani, in mega contenitori super sofisticati ad energia solare modificata, tenerli in vita senza problemi e risvegliarli appunto dopo 5 anni, quando il pianeta è rifiorito senza problemi.
Nessun’altra possibilità l’umanità ha di sopravvivere continuando invece così e l’alternativa appunto è l’estinzione per catastrofi ineluttabili.
Inutile dire lo sgomento prodotto in tutto il mondo e in queste ore mentre scriviamo siamo in trepida attesa che i vari Stati, l’ONU e quant’altro rispondano prontamente all’analisi e alle proposte fatte.
Vi terremo aggiornati appena arriveranno le news relative.