Home Premio Archimede Edizione 2008

Edizione 2008

A LORENZO IL MAGNIFICO DI PAOLO MORI
IL PREMIO ARCHIMEDE 2008

Ancora una volta il Premio Archimede è stato per tutti noi un’esperienza straordinaria, davvero un degno modo di ricordare e onorare Alex Randolph, il “Maestro” degli autori di giochi al quale il Premio è dedicato.
Ben 125 i giochi in concorso, provenienti principalmente dall’Italia, ma anche da numerosi altri paesi europei ed extraeuropei.
In mostra all’Aula Magna dell’Università IUAV di Venezia il 4 ottobre c’erano i 64 prototipi ammessi alle fasi finali: giochi di ogni tipo, di strategia e di fortuna, astratti e ambientati, semplici e complessi, tutti caratterizzati da idee nuove e originali, di un livello medio sorprendentemente alto.
Piena di suspense la cerimonia finale, con la proclamazione dei TOP 15 (i 15 giochi ammessi alla finalissima), la votazione degli 11 membri della giuria internazionale e lo scrutinio in diretta, al cardiopalma.
E alla fine l’ha spuntata in volata Lorenzo il Magnifico opera di Paolo Mori; questo gioco è piaciuto a tutti i giurati soprattutto per l’introduzione, ad ogni turno di gioco, di una diversa situazione con vari rapporti (guerre, alleanze, matrimoni reali… ) fra posizioni non di pertinenza del giocatore ma che vengono invece assegnate con un’asta che dà ai giocatori una positiva sensazione di essere coinvolti in un gioco di potere, con risvolti nascosti che ben rappresentano la doppiezza dei potentati dell’epoca.
A questo punto le menzioni speciali:
• il premio Carta Mundi per il miglior gioco di carte;
• il premio Focus Brain Trainer, assegnato dall’omonima rivista, partner ufficiale della manifestazione, per il gioco più adatto alla creazione di rompicapo su carta stampata;
• il riconoscimento al gioco che più sarebbe piaciuto a Sebastiano Izzo, il nostro indimenticato “compagno di giochi” che amiamo ricordare ad ogni edizione;
• il Trofeo Winning Moves, per il gioco che si avvicina di più alla linea editoriale della casa di giochi.
E ai primi 3 classificati è andato anche il tangibile incoraggiamento della Fondazione J.P. Halvah, creata dallo stesso Randolph (col nome del suo gatto!) con lo scopo di aiutare gli autori emergenti.
Non solo, ma i primi 10 giochi classificati entreranno a far parte della collezione del Museo Svizzero dei Giochi di La Tour de Peliz (www.museedujeu.ch); il direttore del museo, Ulrich Schaedler, ha anche annunciato per la prossima primavera una mostra dove i prototipi di Archimede saranno esposti assieme ai giochi commerciali che da quelle idee sono stati poi prodotti.
Davvero encomiabile il lavoro svolto dalla qualificatissima giuria internazionale, presieduta da un Niek Neuwahl in splendida forma e composta da Silvio De Pecher, Dario De Toffoli, Paolo Fasce, Mauro Gaffo, Ulrich Schaedler, Michael Bruinsma, (999games, Paesi Bassi), Mike Gray (Hasbro, USA), Dieter Strehl (Piatnik, Austria), Philipp Sprick (Ravensburger, Germania), Albrecht Werstein (Zoch, Germania).
Preziosissimo è stato il lavoro della giuria preliminare, presieduta da Niek Neuwahl e composta da Giuseppe Baggio, Giuseppe Baù, Alfredo Berni, Leonardo Colovini, Marco Maggi, Francesco Nepitello, Gigi Pescolderung, Carlo A. Rossi, Dario Zaccariotto, Alessandro Zucchini nonché la logistica e il sito seguiti da Stefano Mondini e la segreteria coordinata da Elisa Marzorati, con i contributi di Elena De Fent e Martina Gris.
Si ringraziano l’Università IUAV di Venezia, la Fondazione J.P Halvah ed il Musée suisse de jeu che hanno contribuito con studiogiochi all’organizzazione del Premio Archimede 2008; le aziende Carta Mundi, Hasbro, La Tana dei Goblin, Phalanx Games, Piatnik, Ravensburger, ScriBabs, Venice Connection Italia, Winning Moves e Zoch; la rivista ufficiale del Premio Archimede 2008 Focus Brain Trainer; Clementoni, Nexus, Ravansburger e Unicopli/Oliphante per le scatole di giochi offerte come premi ai partecipanti della fase finale.

 

Premio Archimede 2008


1° classificato
LORENZO IL MAGNIFICO
di Paolo Mori (Parma)

2° classificato
STRADA ROMANA
di Walter Obert (Piossasco - TO)

3° classificato
TIMBUCTU
di Alex Saragosa (Terranova Bracciolini - AR)

4° classificato
EGIZIA
di Virgilio Gigli (Roma)

5° classificato
ESAGON
di Alimberto A. Torri (Pisa)

6° classificato
PROVINCIA ROMANA
di Simone Luciani e Paolo Mori (Fermo - Parma)

7° classificato
PORTOBELLO ROAD
di Simone Luciani (Fermo)

8° classificato
COMPAGNIE DI VENTURA
di David Zanotto (Rosà - VI)

9° classificato
AMONGST THIEVES
di Brett J. Gilbert (Cambridge - UK)

10° classificato
EXPO
di Pier Volontè (Saronno - VA)

11° classificato
NURAGHE
di Simone Luciani (Fermo)

12° classificato
COPAN
di Fabrizio Angeletti (Roma)

13° classificato
VICES & VIRTUES
di Patrick Christenson (Austin, Texas - USA)

14° classificato
KEBEC
di Pietro Vozzolo (Terni)

15° classificato
ITZAMA
di Riccardo Foches (Sopramonte - TN)

Premio Speciale Carta Mundi al miglior gioco di carte
PORTOBELLO ROAD di Simone Luciani (Fermo)

Premio Speciale Focus Brain Trainer
TRIPLE di Paolo Durighello (Padova)

Premio Speciale “Sebastiano Izzo”
ESAGON di Alimberto A. Torri (Pisa)

Premio Speciale Winning Moves
STRADA ROMANA di Walter Obert (Piossasco - TO)

GIURIA

Erano operative due giurie separate, con la presidenza di Niek Neuwahl, una di selezione e una finale.
La giuria di selezione ha scelto i giochi ammessi alle fasi finali e ha assegnato le menzioni speciali.
La giuria finale, partendo dalla rosa selezionata, ha votato in diretta davanti al pubblico, in occasione della cerimonia finale, decretando così il vincitore e la classifica, nonché il vincitore dei trofei Winning Moves e Carta Mundi. La giuria finale era affiancata da alcuni special guests, redattori di alcuni dei più importanti editori internazionali.

Ecco la composizione delle due giurie:

Giuria di selezione
• Niek Neuwahl Presidente
• Giuseppe Baggio
• Giuseppe Baù
• Alfredo Berni
• Leo Colovini
• Marco Maggi
• Francesco Nepitello
• Gigi Pescolderung
• Carlo A. Rossi
• Dario Zaccariotto
• Alessandro Zucchini

Special guests internazionali:
• Michael Bruinsma (Phalanx, Olanda)
• Mike Gray (Hasbro, USA)
• Dieter Strehl (Piatnik, Austria)
• Philip Sprick (Ravensburger, Germania)
• Albrecht Werstein (Zoch, Germania)

Giuria finale
• Niek Neuwahl Presidente
• Silvio De Pecher
• Dario De Toffoli
• Paolo Fasce
• Mauro Gaffo
• Giorgia Pandolfo
• Ennio Peres
• Ulrich Schaedler

Le giurie si sono avvalse della collaborazione di Fabrizio Berger, Giulia Franceschini, Stefano Mondini, Giorgio Salvadego e Massimo Tonizzo.

GIOCHI FINALISTI

4PRESIDENT Marco Generali e Giovanni Eccher
ABUKIR
 Agostino Giordano
ACHTUNG! BANDITI! Marco Voltolina
AMONGST THIEVES Brett J. Gilbert
ART MERCHANTS Gianluca Poletti
BENNY’S HORSES B e S Cuicchi
BEREZINA Pietro Vozzolo
BREETANE Paolo Pellegri
BROKERS Furio Ferri
CACCIA AL QUADRO Francesco e Michela Berardi
CAST DOWN Agostino Giordano
COMPAGNIE DI VENTURA David Zanotto
COPAN Fabrizio Angeletti
DADINCROCIATI Signoretto Nazareno
DE AVIUM NATURA Francesco Frittelli
DELFI Pietro Vozzolo
DYREX Giovanni Zucchi
EGIZIA Virginio Gigli
ESAGON Alimberto A. Torri
EUPHRATES Edward C.Volkert
EXPO Pier Volonté
FAIRY POWER Antonino Calogero
FLY AWAY Daniele Ferri
FRANA Giuseppe Bonfiglio
FUGA DALLA SCUOLA Prof. .Pizzardi e alunni della 2C
FULL BATHTUB Michael Feldkoetter
GALACTICA Lorella Villani
GALAXY SYSTEM (wars) Paolo Durighello
GIRO M. Luis Fernando
HOPPLA KROKODIL Jürgen Elias
IL CAMPIONE Fabio Chiarello
IL FURTO DELLA STELLA DI DAFNE Gianluca Colantoni
ITZAMA Riccardo Foches
JIVARO Mario Biscella e Giorgio Villa
KEBEC Pietro Vozzolo
KRIAS Luca Borsa e Cristina Moregola
LA PODESTERIA DI CASTELFRANCO VENETO Massimiliano Dartora e Franco Marchiori
LE POLPETTE ASSASSINE Marco Stefanni
LORENZO IL MAGNIFICO Paolo Mori
LOST CITY Marco Pozzi
LUPO Agnese Minuto
M’AMA, NON M’AMA Antonio Scrittore
NIMEN Alessandro Grande
NITHYE Carlo Donadio
NURAGHE Simone Luciani
ORO! Antonio Scrittore
PLEIADE W. Falciatore
PORTOBELLO ROAD Simone Luciani
PRIVACY! Claudio Oliviero
PROVINCIA ROMANA S. Luciani e P. Mori
SALOON Chicco Tramezzani e Ercole Telazzi
SCARECROWS Paolo Porfiri
SPAGHETTI CONNECTION Fabio Chiarello
SPLATFORM Cristiano Sili
STRADA ROMANA Walter Obert
SUEVOZ Renato Bordin
SURENCHèRE – OVERBID Michel Pinon
SUSHI BAR Daniele P. Correale
SYMPHONY Daniele P. Correale & W. Obert
TESEO Pietro D’Errico
TIMBUCTU Alex Saragosa
TRIPLE Paolo Durighello
VICES & VIRTUES Patrick Christenson
WHITE RIVER Fabrizio Angeletti

HIGHLIGHT

GIOCHI

AUTORI

GIURIA

PREMIAZIONE

PREMI

PARTNER

Il premio Archimede 2008 è organizzato da studiogiochi in collaborazione con la fondazione J.P. Halvah ed il Musée suisse du jeu.

studiogiochi.JPG
iuav.JPG
Halvah.JPG
museo dei giochi.JPG
Con il contributo di:
braintrainer.jpg Focus Brain Trainer
Rivista ufficiale del
Premio Archimede 2008
 

Zoch Logo.jpg

 

logo wm.jpg

 

 

Cartamundi.jpg

 

 

 

scribabs.jpg

 

Tana dei Goblin.jpg

 

phalanx.JPG
venice connection italia.JPG
logo Piatnik Logo Schrift rot Kopie.jpg
Hasbro.jpg
ravensburger 2010.jpg
clementoni.jpg
logo nexus.JPG
Unicopli.JPG

BANDO

Il PREMIO ARCHIMEDE 2008 è bandito da studiogiochi, ed ha per tema l’ideazione di un gioco da tavolo.
Il Premio è dedicato al grande Alex Randolph, che ne è stato presidente per le prime 7 edizioni.
La partecipazione è aperta a tutti, senza limiti di residenza o di età. Gli autori devono essere dilettanti (cioè non devono svolgere questa come attività prevalente ovvero non devono essere già noti a livello internazionale, ecc.). Gli autori possono partecipare in maniera singola o in gruppo.
Il Premio gode del patrocinio del Comune di Venezia e viene organizzato con il supporto della fondazione J.P. Halvah, fondata dallo stesso Randolph e presieduta da Herbert Feuerstein. La fondazione offre un contributo di € 3.500 ai vincitori, sotto forma di viaggi di studio, stage, contributi alla pubblicazione, ecc.
Rivista ufficiale della manifestazione è Focus Brain Trainer.
Oltre al Premio Archimede, la giuria assegnerà la menzione speciale Sebastiano Izzo e numerosi altri riconoscimenti speciali, trofei e premi di categoria quali:

• Trofeo speciale Winning Moves, per il miglior gioco strategico per famiglie. Il gioco vincitore verrà esposto nello stand Winning Moves durante la fiera di Essen 2008.

• Trofeo Speciale Carta Mundi per il miglior gioco di carte: Carta Mundi produrrà gratuitamente 1.000 copie del miglior gioco di carte presentato al Premio Archimede e ne farà dono all’autore; il gioco dovrà consistere in 1 o 2 mazzi di carte e sarà prodotto con regole e astuccio; la grafica verrà realizzata gratuitamente dalla Scribabs, che ha pubblicato il gioco vincitore della scorsa edizione.

Per concorrere, inviate il prototipo entro il 30 giugno 2008 a:

PREMIO ARCHIMEDE 2008
c/o studiogiochi
S. Polo 3083
30125 VENEZIA

La manifestazione è di carattere promozionale e i giurati svolgono il loro lavoro in termini volontaristici.
Agli autori è richiesto un contributo di iscrizione di euro 25 per ciascun gioco, a titolo di parziale copertura delle spese, da inviare contestualmente al gioco.
Per il pagamento, allegare al regolamento assegno bancario non trasferibile intestato a studiogiochi o inviare un vaglia postale. Per ogni gioco ammesso sarà rilasciato un attestato di partecipazione, a testimonianza e certificazione della presentazione del gioco in quella data.

La cerimonia finale si svolgerà nell’autunno 2008 a Venezia, in collaborazione con la facoltà di arte e design dello IUAV di Venezia. Con l’occasione, oltre a un ricordo di Alex Randolph, saranno organizzati incontri, mostre e seminari.

Tutte le aziende che collaboreranno alla manifestazione riceveranno informazioni sui giochi partecipanti ed avranno occasione di visionarli.

Gli autori potranno ritirare i prototipi in occasione della cerimonia finale; tutti i prototipi non ritirati non saranno restituiti.

Il Premio avrà la collaborazione del Musée Suisse du Jeu (Museo Svizzero dei Giochi) che organizzerà un’esposizione con i giochi finalisti.
I giochi dovranno rispondere ai seguenti requisiti. In caso contrario verranno esclusi dalle fasi finali.
Il gioco
– Deve essere originale ed inedito.
– La durata non può eccedere i 90 minuti.
Il regolamento
– Deve essere battuto a macchina o a computer e scritto in italiano e/o inglese.
– Deve essere chiaro e completo (contenente anche l’elenco dei materiali ed il numero dei giocatori) e la giuria non deve avere problemi nella sua interpretazione.
– Non può eccedere le 10.000 battute.
Il prototipo
– Deve essere interamente contenuto in una scatola di cartone rigido sulla falsariga dei giochi normalmente in commercio. La scatola dovrà aprirsi facilmente, ma anche restare chiusa senza problemi. Deve essere comoda da riporre e trasportare: vanno quindi assolutamente evitati contenitori troppo grandi o troppo pesanti (indicativamente le dimensioni non dovrebbero eccedere 40x30x10 cm).
– Deve essere funzionale, deve cioè consentire alla giuria di giocare senza difficoltà. Ad esempio le pedine devono stare bene in piedi, le caselle devono essere di misura adeguata alla pedine, le carte non devono essere troppo sottili, i colori devono essere ben distinguibili, ecc.
– Non è necessario che sia realizzato come un prodotto finito, l’aspetto grafico sta in subordine alla funzionalità.
– Le componenti devono essere accuratamente confezionate e suddivise in modo tale da facilitare il più possibile i preparativi iniziali del gioco.
– Il tavoliere, se necessario, va piegato, in modo da poterlo sistemare nella scatola.
– L’organizzazione non è responsabile di smarrimenti o danneggiamenti dei prototipi durante la manifestazione.
Dati degli autori
Sulla scatola e sul regolamento vanno indicati nome del gioco, cognome e nome, indirizzo completo, numero di telefono ed eventualmente indirizzo email dell’autore.
Un consiglio: Prima di spedirlo, fate provare il vostro gioco ai gruppi test senza intervenire in alcun modo nella spiegazione e nello svolgimento e state a vedere come funziona la partita!
In questo modo avrete utili indicazioni su come perfezionare la vostra “creatura”.

CRITERI DI VALUTAZIONE DEI GIOCHI
La giuria giudicherà i giochi tenendo conto delle seguenti caratteristiche (in ordine di importanza):
– Originalità dei meccanismi di gioco.
– Giocabilità, equilibrio e funzionalità dei meccanismi.
– Divertimento.
– Interazione tra i giocatori.
– Pubblicabilità, ovvero la possibilità che il gioco possa essere preso in considerazione dagli editori.
– Pertinenza dell’eventuale ambientazione.
– Qualità del prototipo.