Home autore Acchittocca

Acchittocca

0

logo_azienda_it

Acchittocca

“Abbiamo avuto l’idea di fondare un gruppo di inventori di giochi nel 2001,  tornando tutti insieme da Mucca games. In macchina si parlava e discuteva sui prototipi che avevamo provato durante la convention: era più divertente e… utile che lavorare da soli! Il nome “Acchittocca” è nato per gioco: abbiamo trovato e scartato molti nomi, ma alla fine abbiamo scelto questo perché così avremmo potuto usufruire della pubblicità occulta che ci avrebbero fornito i giocatori formulando la domanda durante una partita! :)”

Antonio Tinto
Da piccolo mi piaceva creare giochi con la carta e sono subito stato attratto dai cosidetti giochi pesanti, tipo Corteo e Millenium. Poi è nato l’amore per i giochi di ruolo e ho passato anni molto intensi a fare il master creando campagne per più di un gruppo alla volta. Negli ultimi 10 anni sono stato preso dal demone del Magic (ma ora ho smesso!) e dei Videogames. Non c’è un gioco che preferisco in assoluto, dipende dal momento. In questo momento per esempio sono preso dal gioco da tavolo ‘La Guerra dell’Anello’…

Flaminia Brasini
La mia educazione al gioco e’ passata per dei grandi classici: da Barbie reginetta del ballo a D&D (giocato da bambina, quando in Italia non girava ancora l’edizione tradotta!). Cosi’ ho imparato molte cose utili… e ho iniziato a giocare in ogni situazione. Ora uso il gioco anche per lavorare (nell’educazione, nella didattica, nella comunicazione sociale) e lavoro e gioco sempre in gruppo: oltre ad Acchittocca lavoro con i giochi in un’associazione che si chiama appunto ConUnGioco.

Stefano Luperto
Io sono appassionato di giochi da sempre, li colleziono da quando avevo 6 anni. Ho collaborato con Kaos e Giocarea e proprio su quest’ultima ho pubblicato la prima versione di Viva il Re!, approdato poi come gioco in scatola alla da Vinci. Il mio gioco preferito in assoluto e’ I coloni di Catan, ma La Guerra dell’Anello insidia da vicino il primato. L’autore che prediligo è Klaus Teuber, perchè trovo i suoi giochi più ambientati rispetto alla media dei giochi tedeschi: a me piace dire che sono più “caldi” di altri, che spesso sono solo astratti rivestiti.

Virginio Gigli
Da sempre ho amato il gioco in tutte i suoi aspetti compreso quello creativo; conservo ancora le mie prime creazioni risalenti anche a 29 anni fa (ho 41 anni), che, pur nella loro immensa ingenuità possono essere considerate dignitose (ma il valore affettivo rende il giudizio scarsamente obiettivo). Ho collaborato come ideatore con Ludonet, una società che produceva giochi per il web. Mi piacciono i giochi abbastanza impegnativi e con poca alea, che sono anche quelli che mi danno più soddisfazione e mi vengono meglio quando li creo. Da 20 anni mi guadagno da vivere come ragioniere, ma tengo ancora vivo, per ora in un cassetto semi chiuso, il sogno di poter fare della ideazione di giochi la mia attività principale.

 

Acchitocca.jpg

Acchitocca 2.JPG

GIOCHI (con studiogiochi)

  • Egizia (2009) con
    Acchittocca,
    ,