MSO 2012

27 agosto 2012DARIO DE TOFFOLI CAMPIONE

E’ finita. Con grande gioia dello staff di studiogiochi Dario De Toffoli ha vinto l’ambito titolo di Campione del Mondo di Pentamind 2012, con 489,47/500.

Dario De Toffoli (vincitore), Etan Ilfeld (organizzatore dell’evento)

Si è giocata ogni sorta di disciplina mentale, dagli Scacchi al Calcolo mentale, da Mastermind a Acquire, dal backgammon al poker, per un totale di circa 60 Tornei.

LONDRA – University of London Union
18-27 agosto 2012
Mind Sports Olympiad XVI

_____________________

Cronache dai tavolieri/4
3 settembre 2012

Come è successo. Due forse le chiavi del successo. Da una parte ho giocato in assoluto relax, senza alcuna velleità e questo deve in qualche modo aver favorito le mie prestazioni. Dall’altra c’è da dire che la maggior parte dei miei avversari proviene dagli scacchi (sono maestri con Elo di 2200-2300-2400) che hanno preferito dedicarsi anche ad altre discipline. E sono fortissimi, molto talentuosi, soprattutto nei giochi a informazione completa. Non posso certo competere nel loro terreno e dunque li lascio a scannarsi tra di loro, preferendo in genere giochi di ottimizzazione delle chance, che sono il mio cavallo di battaglia. Si vede che ho scelto i tornei giusti.

Preparazione
. Preparazione zero. Ho consegnato la correzione delle bozze del mio ultimo libro (Super Poker) la notte prima dell’inizio delle gare. Dunque ho deciso di partecipare solo a tornei di giochi che pratico da decenni e che non necessitavano quindi di particolare preparazione preliminare.

Il percorso
. Inizio sabato con un niente di fatto. Domenica nemmeno gioco, solo alla sera il torneino di poker. Poi lunedì vinco il torneo di Oware (4 vittorie e un pareggio), che pure è un gioco a informazione completa. Bene, la coscienza è salva, qualcosa ho combinato. Il giorno dopo Backgammon ai 3 punti, 9 partite da giocare col sistema svizzero… e ne vinco 8! Altolà, che succede? Le antenne si rizzano.
Poi ancora oro a Mastermind e divento uno dei favoriti, se non il favorito principale. Tutto si deciderà al torneo di Acquire, che necessariamente dovremo conteggiare nel Pentamind essendo un torneo “lungo”. Il regolamento del Pentamind presenta infatti vari vincoli, non è che si possono prendere 5 giochi a caso.

Body language. Per scrivere un capitolo di Super Poker ho analizzato un po’ il cosiddetto body language. Si tratta di capire un giocatore attraverso l’interpretazione dei suoi movimenti involontari. Roba da Tim Roth in Lie to me. Beh, devo dire che nel poker l’ho utilizzato solo poche volte e solo con giocatori principianti. Ma ne ho invece tratto grande profitto in altri giochi, Mastermind e Acquire. Incredibile ma vero.
Secondo turno del torneo di Mastermind, pareggiata la prima 5 a 5, mi trovo di fronte l’estone Kuusk, Campione di Pentamind in carica. Decifro prima io e dopo 4 tentativi ho ancora 3 possibili codici. Due di essi hanno 4 colori diversi e uno ha un doppio. Veniva logico giocare uno dei primi due, perché quelli erano delle autosplit, cioè mi garantivano la chiusura in 6 se non avessi indovinato in 5. E infatti stavo per giocare una delle due. Poi ci ho ripensato, ho impostato nei fori i piolini col colore doppio e guardandolo dritto negli occhi ho chiesto all’avversario “You put the double in your code, didn’t you?”. E i suoi occhi sono corsi a controllare il suo codice e la sua bocca si è inarcata in un sorriso forzato e le sue mani hanno cominciato a fare gesti pacificatori. Insomma, mi sono convinto che avesse davvero messo un doppio e ho giocato quel codice, rinunciando all’autosplit. “Good guess” mi ha rispondo rovesciando la mascherina: il codice era proprio quello.
Tavolo finale di Acquire, io ci sono arrivato con un larghissimo vantaggio sul secondo, Tony Niccoli. Ma non si sa mai, se ti taglian fuori da una fusione e resti senza denaro, rischi davvero. E infatti stava succedendo. Le mie compagnie non riuscivo a farle acquisire. Niccoli e Khandelwal avevano 4 America contro le 3 mie, e Niccoli, che giocava subito dopo di me, era particolarmente eccitato, sembrava che non stesse nella pelle per fare la sua mossa, aveva già in mano la sua tessera. E che mossa poteva essere così bella se non l’acquisizione dell’America? In questo modo mi avrebbe tagliato fuori, spianando la sua strada verso l’oro. Uhm… dovevo rischiare il tutto per tutto, dunque abbandono le altre mie compagnie e con gli ultimi soldi rimasti compro 2 America, per bloccare la mossa che avevo sospettato e sperare in qualche altra acquisizione. Ci avevo visto giusto. E tanta era la tensione di Niccoli, che di default ha fatto immediatamente proprio quella mossa, senza considerare che la maggioranza a quel punto l’avevo presa io. Era infatti la mia una mossa che non aveva previsto, e quando se ne è reso conto era troppo tardi per tornare indietro. E il suo errore mi ha rimesso in partita e mi ha garantito l’oro.

Fuoco. Durante il torneo di Acquire abbiamo avuto anche un incendio con conseguente evacuazione dell’edificio. Messaggio agli altoparlanti, sicurezza immediatamente attiva, odore di bruciato dal secondo piano (noi eravamo al terzo) ma tutti scendono le scale tranquillamente. Bello vedere efficienza e disciplina in queste occasioni! Dopo mezzoretta fuoco domato, tutto a posto, si riprende a giocare come niente fosse successo.

Daniele Ferri. Il nostro vecchio compagno di tavolieri, uno dei più assidui partecipanti alle varie edizioni del Giocatore dell’Anno, è arrivato a Londra alle Mind Sports Olympiad per presentare il suo nuovo gioco di carte auto-prodotto Vege. E devo dire che non è niente male. L’hanno provato in moltissimi, con apprezzamento generale. Già che c’era Daniele ha anche partecipato a un paio di tornei, portandosi a casa l’oro a Rummikub (dove mi ha meritatamente battuto) e ben figurando a Boku.

Ultimi giorni
. Arrivo al weekend finale con 484,60 punti, sabato non gioco – troppo stanco – ma nessuno dei miei avversari diretti ne appprofitta. Domenica l’unico che può ancora teoricamente raggiungermi è Khandelwal, se io non miglioro e lui fa un primo e un secondo posto. Difficile, ma non impossibile. Al mattino io non combino nulla di particolare all”heads up di Texas Hold’em, mentre lui prende l’argento a Boku. Resta il torneo di Lost Cities, che in parte è una lotteria: se lui lo vince da solo e fa 100 punti Pentamind e io arrivo oltre la 3a-4a posizione, arriva a 485,00 cioè mi supera di 0,4 punti. E dopo il terzo turno è pure in testa… ma poi viene risucchiato in centro classifica, mentre io col bronzo (su 20 concorrenti) arrotondo a 489,47. E’ fatta. Non capisco bene come sia stato possibile, ma ho vinto.

_____________________

Cronache dai tavolieri/3
27 agosto 2012

Davvero non so come ho fatto, ma alla fine, tra 200 giocatori provenienti da 32 nazioni, ho vinto io.
Sono di nuovo Campione del Mondo di Pentamind.
Sembra incredibile, ma la vecchia guardia ha trionfato, perché al secondo posto si è classificato lo spagnolo Paco Garcia de la Banda che ha solo qualche anno meno di meno (credo sia sui 55).
Nell’ultima giornata di gare ho preso un bronzo a Lost cities che mi ha permesso di mettere in sicurezza il risultato contro qualsiasi imprevisto: score finale 489,47/500. Paco secondo a 467, il giovane inglese James Heppel a 466, poi l’estone Kuusk (campione lo scorso anno con lo stesso mio punteggio di quest’anno) e l’indiano-inglese Khandelwal. Lontani i veterani inglesi David Pearce e Tim Hebbes, già vincitori di due Pentamind ciascuno.
Certo che Lost cities alle MSO… Però alla fine dei 7 turni di gara, tutti i primi del Pentamind erano nelle posizioni di testa, che sia un caso? Boh!
Il successo italiano è stato completato dai numerosi successi di Tony Niccoli, che lo hanno portato al settimo posto della classifica generale.
Complessivamente l’Italia è largamente seconda e ha anche conquistato la seconda posizione del medagliere di tutti i tempi.
Che devo dire: più di così proprio non si poteva.
Intanto questi primi dati, entro 2-3 giorni dettagli, classifiche, curiosità, foto, link e quant’altro.
_____________________

Cronache dai tavolieri/2
25 agosto 2012

Non ci posso credere!
Ho un po’ di vertigine da zone alte della classifica, alla mia età non pensavo proprio più di poterci arrivare.
Il fatto è che ho vinto anche il torneo di Acquire e questo era determinante per la classifica generale del Pentamind, perché era un torneo “lungo” che dovevo per forza inserire nello score generale, per via del complicato meccanismo di punteggi. E con questi 100 punti sono schizzato in testa alla classifica generale con 484,6 punti su 500, più o meno lo stesso punteggio con cui l’anno scorso l’estone Kuusk ha vinto per distacco.
Non è finita, ci sono avversari che teoricamente possono ancora superarmi, tra i quali a occhio il più pericoloso mi sembra l’indiano-inglese Ankush Kahndelwal, che è in testa alla combinata di poker.
Vedremo, in ogni modo sono più che appagato e credo che difficilmente potrò scendere dal podio.
Dopo la vittoria ad Acquire, ho disertato il Texas Hod’em per partecipare al Rummikub, che sarebbe uno dei miei punti di forza, ma… non tutte le ciambelle riescono col buco!
Le ho prese, ma sono molto contento che l’ora resti in Italia.  Infatti in giornata è comparso a sorpresa il vecchio compagno di giochi Daniele Ferri, a Londra principalmente per presentare un suo nuovo interessante gioco di carte (ne parleremo). Ma lui è anche un campione di Rummikub, infatti ha rappresentato l’Italia ai mondiali di Maastricht nel 2006. E ha vinto, lo riconosco, meritatamente.
Argento all’altro fortissimo italiano, Tony Niccoli.
Insomma, come Italia stiamo davvero sfracelli, secondi solo all’Inghilterra, che annovera 50 volte più partecipanti di noi.
E dovremmo anche passare in seconda posizione come medagliere di tutti i tempi, scalzando l’Olanda, che aveva mietuto decine di allori ai tempi in cui Stratego era uno dei giochi centrali della competizione.
Oggi riposo, non ci sono tornei in cui posso essere competitivo, e stasera poker Omaha pot limit, forse il mio stile preferito. Domani chiusura col Texas Hold’em no limit heads up e gran finale con un torneo che è un po’ una lotteria, Lost cities.
Teoricamente potrei ancora migliorare il punteggio, ma non diciamo nulla: 484,6 punti vanno già benissimo.
_____________________

Cronache dai tavolieri/1
23 agosto 2012

Quest’anno stavo per disertare.
Per motivi personali non avevo potuto effettuare nemmeno una singola partita di preparazione, eccezion fatta per due incontri di Oware (Mancala) con Cosimo Cardellicchio, uno in marzo a Modena e uno in giugno a Venezia, entrambi finiti in parità: 1 a 1.
Alla fine invece sono arrivato, giusto per giocare, senza alcuna aspettativa. Giuro che non pensavo a medaglie, classifiche e Pentamid.
Ma chissà, sarà stata questa serenità, sono arrivati risultati del tutto inattesi.
Ho vinto l’Oware (4 1/2 su 5). Cosimo invece, che non gareggiava da diversi anni, ha patito la tensione agonistica ed è finito 5°, largamente al di sotto delle sue possibilità. Sarebbe stata bella l’accoppiata!
Ho vinto il backgammon 3 punti (8 su 9).
Ho vinto il Mastermind (6 su 7).
Ho preso il bronzo in uno dei tornei serali di poker (Pineapple).
Insomma, me la sto giocando alla pari con i numerosi “mostri” che ci sono, dall’estone Kuusk, dallo spagnolo De La Banda, dagli inglesi Pearce ed Hebbes ai numerosi e fortissimi giovani che sgomitano per farsi luce.
Diciamo che a questo punto – ora siamo a metà competizione – diventa plausibile un piazzamento nelle zone alte della classifica generale, non dovrei scendere sotto la 5a posizione: vedremo nelle prossime gare.
Intanto stamattina ho saltato il torneo di Carcassonne: troppo stanco, devo recuperare energie: si gioca dalle 10 di mattina a mezzanotte, praticamente senza pause pranzo e cena, solo qualche panino al volo.
Un’altra buona notizia è che, dopo parecchi anni di assenza, è tornato Tony Niccoli. Lui vive in Inghilterra, ma è italiano di origine e gareggia per l’Italia: siccome è fortissimo, insieme abbiamo portato l’Italia saldamente in seconda posizione del medagliere, dietro ovviamente l’Inghilterra, che ha l’80% dei concorrenti. Tony ha già due ori (Continuo e Canadian Stud poker) e un argento (Mastermind) che vale l’accoppiata italiana!
Oggi pomeriggio Mensa connection, che poi sarebbe Geniale o Ingenious o Einfach Genial), del vecchio Knizia, poi serata col London Lowball poker.

 

8 agosto 2012

Manca poco all’inizio delle MSO 2012, che si terranno dal 18 al 27 agosto alla University of London Union!

Numerosissime le discipline a cui si può partecipare, inclusa qualche novità, tra cui spicca il primo Pentamind al femminile.

Come di consueto il nostro Dario De Toffoli sarà presente all’evento e ci terrà informati sull’andamento dei tornei con le sue cronache.

 

Elenco delle discipline

Abalone Olympiad Championship
Acquire Olympiad Championship
Azacru World Championship
Backgammon 3pt Olympiad Championship
Backgammon 5pt
Backgammon 7pt Olympiad Championship
Blokus Olympiad Championship
Boku World Championship
Bridge Individual
Bridge Olympiad Championship
Carcassonne Olympiad Championship
Chess (40 min) Olympiad Championship
Chess 20 Minutes
Chess 960 Olympiad Championship
Chess Blitz
Continuo World Championship
Creative Thinking World Championship
Cribbage Pairs
Cribbage Singles
Decamentathlon World Championship
Dominion Olympiad Championship
Dominoes 5s and 3s
Draughts 10×10 Olympiad Championship
Draughts Olympiad Championship
Entropy Teaching Session (free)
Entropy World Championship
Go 13×13 Olympiad Championship
Go Olympiad Championship
Go Teaching Session (free)
Gomoku Olympiad Championship
Hare and Tortoise World Championship
Hexdame Olympiad Championship
Kamisado World Championship
Kings Cribbage World Championship
Lines of Action (LoA) World Championship
Losing Draughts 8×8 (Suicide Checkers)
Lost Cities Olympiad Championship
Mastermind Olympiad Championship
Mensa Connections Olympiad Championship
Mental Calculations World Championship
Monopoly Olympiad Championship
Othello Olympiad Championship
Oware Olympiad Championship
Pacru World Championship
Poker 5 Card Draw (pot limit)
Poker 7 card Stud (pot limit)
Poker Canadian Stud (pot limit)
Poker Heads-Up
Poker Omaha (pot limit)
Poker Pineapple (pot limit)
Poker Texas Hold’em (pot limit)
Quiz Olympiad Championship
Rummikub Olympiad Championship
Scrabble Olympiad Championship
Scrabble Variants Olympiad Championship
Settlers of Catan Olympiad Championship
Shacru World Championship
Shogi (Japanese Chess) Olympiad Championship
Stratego Olympiad Championships
Sudoku & KenKen Olympiad Championship
Surprise Game
TwixT World Championship
Xiangqi (Chinese chess) Olympiad Championship

LE MEDAGLIE ITALIANE

Acquire
1 Dario De Toffoli
2 Tony Niccoli
3 Peter Horlock

Abstract games
1 Andres Kuusk
2 David Pearce
3 Tony Niccoli

Backgammon – 3 punti
1 Dario De Toffoli
2 Luis Agull
3 Michael Ireland

Continuo
1 Tony Niccoli
2 David Pearce
3 Bharat Thakrar

Diplomacy
1 Tony Niccoli
2 David Pearce
3 Bijan Mehdinejad

Lost cities
1 Andres Kuusk
2 Cristina Bardés
3 Dario De Toffoli

Mastermind
1 Dario De Toffoli
2 Tony Niccoli
3 Peter Horlock

Othello
1 Roy Arnold
2 Jan Haugland
3 Giuseppe Chiarulli

Oware
1 Dario De Toffoli
2 Mike Dixon
3 Matthew Hathrell

Pentamind
1 Dario De Toffoli
2 Paco Garcia De La Banda
3 James Heppell

Poker : Canadian Stud (Pot Limit)
1 Tony Niccoli
2 David Jameson
3 Ankush Khandelwal

Poker : Pineapple Hold’em (Pot Limit)
1 Mike Dixon
2 Celestino Vaz
3 Dario De Toffoli

Rummikub
1 Daniele Ferri
2 Tony Niccoli
3 Gill Mcnamara

Learn and Play New Games
1 Tony Niccoli
2 James Heppell
3 Alain Dekker
4 Paco Garcia De La Banda
5 Florian Jamain
6 David Pearce